Bollettino Covid: 4.452 nuovi positivi e 201 decessi

Sono state somministrate 28 milioni di dosi di vaccino su circa 30 milioni. In testa la Lombardia che ha usato il 95,8% di quelle a sua disposizione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:36

Il numero dei nuovi casi e dei tamponi effettuati cresce, ma diminuisce il tasso di positività. Salgono, purtroppo, i decessi. E’ quanto emerge dall’aggiornamento sulla diffusione del Coronavirus del Ministero della Salute di martedì 18 maggio. Somministrato il 92,3% delle dose di vaccino consegnate, quasi nove milioni di persone hanno completato il ciclo vaccinale.

Il bollettino

Sono 4.452 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto a ieri quando erano stati 3.455, per un totale di 4,1 milioni dall’inizio dell’epidemia. Sono 201 i decessi, in aumento rispetto ai 140 di ieri.

I tamponi effettuati sono 262.864 – ieri 118.924 – con un rapporto tamponi-positivi che scende all’1,7%  dal 2,8. Il numero degli attualmente positivi è 315.308, in calo di 7.583 unita’ rispetto a ieri. I dimessi/guariti sono 11.831, per un totale di 3,7 milioni dall’inizio dell’epidemia. Sono 1.689 le persone ricoverate in terapia intensiva, 65 in meno rispetto a ieri. Le persone ricoverate con sintomi sono 11.539. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Lombardia, con 598 unità, a seguire la Campania con 598 e il Piemonte con 437.

La campagna vaccinale

Sono 28.074.383 i vaccini anti-Covid somministrati nel nostro Paese, il 93,2 per cento delle dosi finora consegnate, pari a 30.132.960. Al primo posto le 19,9 milioni di fiale Pfizer/BioNTech, i 7 milioni di AstraZeneca, i 2,6 di Moderna e le 500mila dosi di Johnson & Johnson. Ammonta a 8,9 milioni il totale delle persone vaccinate a cui sono state somministrate la prima e la seconda dose di vaccino, riferisce il bollettino elaborato da ministero della Salute, presidenza del Consiglio dei ministri e dal commissario straordinario al Covid-19, aggiornato alle 17:13 di oggi.

La somministrazione ha riguardato 15,7 milioni di donne e 12,3 milioni di uomini. Nel dettaglio, le dosi sono state somministrate a 6,8 milioni di ultraottantenni, 5,7 milioni di “fragili” o caregiver, 3,3 milioni di operatori sanitari, mentre 1,4 milioni sono state somministrate al personale scolastico. Nella fascia d’età 70-79 anni sono state inoculate 4,2 milioni di dosi e 2.991.726 in quella 60-69.

Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate la Lombardia con 4.866.504 dosi, cioè il 95,8% di quelle ricevute, segue il Lazio con 2.714.906 (90,9%) e poi la Campania con 2.556.463 (il 93,4%).

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.