Bollettino Covid: 2.483 nuovi casi e 93 decessi

Il tasso di positività scende all'1,1%, i dimessi e/o guariti salgono a 3,8 milioni dall'inizio della pandemia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:41

Sono 2.483 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia, in aumento rispetto a ieri quando erano stati 1.820, per un totale di 4.220.304 dall’inizio dell’epidemia. Sono 93 i decessi, in aumento rispetto agli 82 di ieri. Sono i dati riportati nell’aggiornamento quotidiano del Ministero della Salute sulla diffusione del coronavirus nel nostro Paese.

Tasso di positività in calo

Quanto ai tamponi effettuati, oggi sono 221.818, con un rapporto tamponi-positivi che scende all’1,1%. Il numero degli attualmente positivi è di 225.751, in calo di 7.923 unità rispetto a ieri. I dimessi e/o guariti sono 10.313, per un totale di 3.868.332 dall’inizio dell’epidemia. Sono 989 le persone ricoverate in terapia intensiva, 44 in meno rispetto a ieri. Le persone ricoverate con sintomi sono 6.482.

A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Lombardia (461), la Campania (375), la Sicilia (326), e la Puglia (227).

La proposta di Bassetti

“Dopo l’approvazione anche in Italia del vaccino di Pfizer per i ragazzi tra i 12 e i 16 anni, utilizziamo questa estate per vaccinarli tutti e per farli tornare a scuola a settembre in sicurezza senza più dover ricorrere alla didattica a distanza, che non è scuola. Il vaccino è un’opportunità da cogliere anche per i più giovani per tornare a vivere come prima. Anzi meglio di prima. Più sicuri e più uniti di prima“. Lo sottolinea Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, in un post su Facebook.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.