Bollettino 12 marzo: contagi inarrestabili e tasso di positività in crescita

L'indice di trasmissibilità Rt nazionale è arrivato a 1.16, un dato che costringe il governo ad adottare nuove restrizioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:20

Cresce ancora il numero di casi di Covid in Italia, in una escalation che sembrerebbe inarrestabile, nonostante la campagna vaccinale. Oggi i nuovi casi positivi sono 26.824, contro i 25.673 di ieri, giovedì; 369.636 i tamponi refertati, circa duemila in meno alla rilevazione precedente.

Tasso di positività

Il tasso di positività sale ancora, passando dal 6,9% di ieri al 7,25% di oggi, secondo i dati del ministero della Salute. 226 gli ingressi in terapia intensiva e altri 409 ricoveri ordinari. In aumento anche i decessi, seppur di poche unità: 380 oggi, 373 giovedì. In totale, rileva la Johns Hopkins University, i morti per covid in Italia da inizio epidemia sono 101.564; 3 milioni 175.807 i positivi in tutto. I dimessi e i guariti sono 2.564.926 (+14.443 rispetto a ieri ), in isolamento domiciliare ci sono 482.747 persone (+ 11.503).

A Pasqua tutta Italia in zona rossa

L’indice di trasmissibilità Rt nazionale è arrivato a 1.16, un dato che costringe il governo ad adottare nuove restrizioni. E’ stato approvato oggi il nuovo Decreto Draghi, che blinderà la Pasqua e introdurrà misure più stringenti fino al 6 aprile, per scongiurare un’ulteriore salita dei contagi.

Le Regioni in dettaglio

Il maggior numero di nuovi casi si registra ancora una volta in Lombardia (6.262), davanti a Emilia Romagna (3.477), Piemonte (2.929), Campania (2.644) e Veneto (1.932). Ecco l’elenco Regione per Regione:

Lombardia: +6.262
Veneto: +1.932
Piemonte: +2.929
Campania: +2.644
Emilia Romagna: +3.477
Lazio: +1.757
Toscana: +1.304
Sicilia: +679
Puglia: +1,774
Liguria: +406
Friuli Venezia Giulia: +971
Marche: +874
Abruzzo: +515
Sardegna: +106
P.A. Bolzano: +147
Umbria: +219
Calabria: +305
P.A. Trento: +281
Basilicata: +144
Molise: +72
Valle d’Aosta: +28

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.