Onu condanna la Birmania per “uso della forza letale”

Guterres condanna "l'uso della forza letale" in Birmania dove ieri due manifestanti contro il golpe sono stati uccisi dai militari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27

Il segretario generale dell’Onu, António Guterres, condanna “l’uso della forza letale” in Birmania (Paese asiatico noto anche con il nome di Myanmar) dove ieri due manifestanti contro il golpe sono stati uccisi dai colpi delle forze dell’ordine.

“Uso della forza letale”

“L’uso della forza letale, dell’intimidazione e delle violenze contro i manifestanti pacifici è inaccettabile – scrive in un tweet -. Ognuno ha il diritto di protestare pacificamente. Faccio appello a tutti i partiti a rispettare i risultati delle elezioni e di tornare alle norme civili”.

Proteste in strada

Intanto, migliaia di persone nelle strade delle principali città anche oggi, mentre la moglie di un famoso attore, Lu Min, ne ha denunciato l’ arresto. L’uomo aveva preso parte a diverse proteste contro il golpe. Ieri, la dura repressione delle proteste popolari, ha portato alla morte di due persone.

Facebook chiude pagina dell’esercito

La guerra alla dittatura birmana è anche a colpi di…social. Facebook ha chiuso l’account gestito dall’esercito della Birmania in seguito al colpo di stato da parte dei militari. La pagina si chiama “Tatmadaw – True News Information Team” e, secondo quanto spiegato da Facebook in una nota, ha più volte “violato le regole della comunità che vietano l’incitamento alla violenza”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.