Birmania: gruppo ribelle assalta base militare nell’est

Il gruppo ha più volte condannato il colpo di stato del 1° febbraio dichiarando di dare rifugio ad almeno 2.000 dissidenti anti-golpisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:12

Un importante gruppo etnico ribelle birmano ha assaltato e dato alle fiamme una base militare nella Birmania orientale vicino al confine con la Thailandia. Lo ha annunciato il capo del gruppo Karen National Union (KNU) che da settimane si sta scontrando con l’esercito in quell’area.

“Le nostre truppe hanno conquistato una base dell’esercito birmano”, ha detto all’Afp Padoh Saw Taw Nee, aggiungendo che i combattimenti sono avvenuti intorno alle 5 del mattino e il campo è stato “bruciato”.

Il mese scorso, dopo che il Knu aveva invaso un’altra base militare nella stessa regione, la giunta ha risposto con diversi attacchi aerei notturnil, prontamente denunciati nei canali social del gruppo.

Rifugio ai dissidenti anti golpe

Il gruppo ha più volte condannato il colpo di stato che il 1 febbraio ha destituito Aung San Suu Kyi dichiarando di dare rifugio ad almeno 2.000 dissidenti anti-golpisti fuggiti dalle città. Nelle ultime settimane si sono intensificati gli scontri tra esercito e ribelli nella regione del Karen e oltre 24.000 civili sono stati costretti a lasciare i loro villaggi.

Di questi, circa 2.000 hanno attraversato il fiume per cercare rifugio in Thailandia. Si stima che circa un terzo del territorio della Birmania, per lo più nelle regioni di confine, sia controllato da una miriade di gruppi ribelli.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.