Berlino, la Turchia fermi le provocazioni nel Mediterraneo orientale

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha invitato la Turchia a "interrompere le provocazioni" nel Mediterraneo orientale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:52
Il ministro tedesco Heiko Maas e la nave turca Oruc Reis

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha invitato la Turchia a “interrompere le provocazioni” nel Mediterraneo orientale, dove Ankara ha appena inviato la nave esplorativa Oruc Reis alla ricerca di gas naturale, rischiando di riaccendere una crisi con la vicina Grecia.

“Se ci fossero davvero ulteriori esplorazioni per il gas turco nelle aree marittime più contestate del Mediterraneo orientale, sarebbe una grave battuta d’arresto per gli sforzi di far diminuire la tensione”, ha aggiunto il ministro degli Esteri in una nota.

Oruc Reis e il gas naturale

La marina turca ha annunciato che la nave da ricerca Oruc Reis svolge attività nel Mediterraneo orientale, spostandosi anche a sud dell’isola greca di Kastellorizo, da lunedì 12 fino a giovedì 22 ottobre. Lo si è appreso da un messaggio inviato al sistema di allerta marittima Navtex.

Si riaccendono così le tensioni tra Grecia e Turchia nella zona contesa, già al centro di una lite sui diritti energetici lo scorso agosto, quando i due Paesi vicini ed entrambi membri della NATO hanno organizzato esercitazioni aeree e navali rivali in acque strategiche tra Cipro e l’isola greca di Creta.

Gas naturale

Nello specifico, Turchia e Grecia si stanno contendendo i diritti per la ricerca del gas naturale nel Mediterraneo orientale. La Grecia rivendica i diritti sulle acque intorno a Kastellorizo.

Kastellorizo, conosciuta anche con il nome di Castelrosso e, in turco, Meis, è un’isola greca posta all’estremità orientale del suo territorio. E’ infatti situata nel Mar di Levante, a meno di 3 km dalle coste anatoliche della Turchia, mentre dista 72 miglia nautiche da Rodi, da cui dipende amministrativamente. La Turchia, dal canto suo, sostiene di avere più diritto a svolgere ricerche in quella zona avendo una costa più lunga.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.