Autostrada A14, muore un operaio investito da un mezzo pesante

La vittima aveva 47 anni. L'incidente è avvenuto nel tratto di strada tra Poggio Imperiale e San Severo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:20

Questa mattina poco prima delle otto, in un cantiere sull’autostrada A14 Bologna – Taranto, all’altezza del chilometro 528, nel tratto di strada tra San Severo e Poggio Imperiale, in direzione Bari, ha perso la vita un operaio di 47 anni travolto da un mezzo pesante mentre procedeva all’installazione della segnaletica per l’apertura di un cantiere stradale. Secondo le prime ricostruzioni dell’incidente la vittima sarebbe rimasta schiacciata tra il mezzo pesante che l’ha investito ed il camion della ditta per cui prestava servizio.

I soccorsi e il cordoglio di Autostrade per l’Italia

Sul posto sono intervenuti immediatamente i soccorsi sanitari e le pattuglie della polizia stradale che hanno prestato le cure del caso agli altri due operai coinvolti e messo in sicurezza l’arteria stradale.

In una nota la direzione tronco di Bari di Autostrade per l’Italia ha espresso il proprio cordoglio a nome di tutta la comunità dei lavoratori autostradali era offerto la massima collaborazione alle autorità competenti impegnate nella ricostruzione della dinamica dell’evento.

L’aumento delle morti sul lavoro

Nell’ultimo periodo c’è stato un forte incremento delle morti sul lavoro tanto che, tra ieri ed oggi, hanno perso la vita in diversi incidenti ben sette lavoratori. Per questo i sindacati sono tornati a chiedere al governo più sicurezza del lavoro, affinché la qualità del lavoro, sicurezza e salute diventino priorità nazionali. A tal proposito il Ministro del Lavoro Andrea Orlando ha dichiarato che il piano sicurezza sui posti di lavoro sarà pronto nelle prossime settimane e nel frattempo si assumeranno provvedimenti immediati per anticiparlo. L’esecutivo prevede la costruzione di una banca dati per raccogliere le violazioni e definire sanzioni più tempestive per chi viola le stesse.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.