Gli auguri di Mattarella al Papa: “In pandemia ha portato speranza a tutti”

"Santità - scrive Mattarella - nel giorno del Suo ottantaquattresimo compleanno voglia accogliere i più fervidi auguri"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:16

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha scritto una lettera a Sua Santità Papa Francesco per il suo 84esimo compleanno e per le festività natalizie. Anche il Premier Giuseppe Conte ha fatto gli auguri oggi al Pontefice venuto “quasi dalla fine del mondo” per il suo compleanno.

La lettera al Papa di Mattarella

“Santità – esordisce il Capo di Stato nella sua missiva – nel giorno del Suo ottantaquattresimo compleanno voglia accogliere i più fervidi auguri che ho il piacere di porgerLe a nome del popolo italiano, unitamente ai miei sinceri voti di benessere spirituale e personale”.

“Migliaia di donne e di uomini hanno vissuto nel corso dell’anno che volge al termine – e continuano a sperimentare al momento presente – il dramma della pandemia e delle sue gravissime ricadute sanitarie, economiche e sociali. Un anno di incertezze, talvolta financo di angosciose paure, che hanno scosso nel profondo le abitudini, le consolidate sicurezze e le prospettive di futuro sulle quali innumerevoli nostri concittadini costruiscono la loro quotidianità personale e familiare”.

“Ad alcuno, tuttavia, è mai venuta meno la vicinanza partecipe e solidale di Vostra Santità. Persone di fedi diverse – o che non ne professano alcuna – nei momenti della prova e della solitudine hanno potuto costantemente avvertire il sostegno e l’incoraggiamento del Papa. I cattolici, in particolare, hanno trovato consolazione e speranza nella salda certezza della Sua generosa preghiera”.

“Su questo drammatico sfondo si è stagliato ancor più luminoso e alto l’invito a una ‘fraternità aperta‘ e all’amicizia sociale che Vostra Santità ha formulato nella terza lettera enciclica del Suo Pontificato. All’intera Comunità internazionale, come anche alla coscienza individuale, Ella ha consegnato un appello esigente al senso di responsabilità che ciascun uomo e ciascuna donna sono chiamati ad avvertire ed esercitare nei confronti degli altri, soprattutto se deboli, poveri, minacciati od oppressi”.

“Il Natale ormai alle porte, in vista del quale desidero farLe pervenire sentiti e affettuosi auguri, sarà celebrato in circostante del tutto particolari. Pur nel disagio che esse possono comportare, tali limitazioni dischiudono un richiamo agli aspetti più autentici ed essenziali di questa festa e del suo universale messaggio di fratellanza e di pace. Un messaggio, Padre Santo, di cui quest’anno le nostre comunità avvertono ancor più acutamente il bisogno”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.