Assalto a Capitol Hill: per McConnell fu sedizione

Il leader dei senatori Mitch McConnell ha sostenuto che quella del 6 gennaio fu una "insurrezione violenta per prevenire il pacifico trasferimento dei poteri dopo una elezione legittimamente certificata"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:48

Si spacca anche al vertice il Grand Old Party (GOP) sulla mozione di censura del partito contro i deputati Liz Cheney e Adam Kinzinger per la loro partecipazione alla commissione parlamentare all’inchiesta sull’assalto al Congresso, definita – riporta Ansa – una “persecuzione di cittadini comuni impegnati in un legittimo dibattito politico”.

Si spacca il nel Gop in merito all’assalto al Congresso

Il leader dei senatori Mitch McConnell ha criticato la decisione e sostenuto che quella del 6 gennaio 2021 fu una “insurrezione violenta per prevenire il pacifico trasferimento dei poteri dopo una elezione legittimamente certificata”.

McConnell ha spiegato che il comitato nazionale del Grand Old party non deve criticare i suoi membri per le loro visioni diverse dalla maggioranza del partito: “non è il suo lavoro”, ha detto, ricordando che “tradizionalmente la posizione del comitato nazionale è sostenere tutti i membri del partito a prescindere dai loro punti di vista su alcune questioni”.

La bocciatura della censura e il suo giudizio duro sull’assalto al Capitol lo mettono in opposizione al leader dei repubblicani alla Camera Kevin McCarthy e soprattutto a Donald Trump, ispiratore indiretto della mozione e sostenitore della narrativa che tende a legittimare come protesta politica l’assalto al Congresso. Nel partito si sono levate altre voci critiche verso la mozione, come quella della senatrice Susan Collins e del collega John Cornyn.

Il discorso di Biden a Capitol Hill

Il 6 gennaio fu un’insurrezione armata e Donald Trump – aveva detto a sua volta il presidente americano lo scorso 6 gennaio parlando dal Congresso nel primo anniversario dell’assaltocercò di rovesciare elezioni libere, di sovvertire la costituzione e di fermare una trasferimento pacifico dei poteri attraverso un gruppo di balordi, tutto il mondo ha visto con i suoi occhi. Nemmeno durante la guerra civile questa cosa accadde. In questo luogo sacro fu attaccata la democrazia, un attacco brutale, ma il popolo ha resistito, la democrazia ha tenuto”. “La verità è che un ex presidente ha creato una rete di menzogne intorno alle elezioni del 2020” e ha “messo i suoi interessi sopra quelli del Paese”, ha detto Joe Biden, riferendosi a Donald Trump.

Siamo in un momento decisivo della storia in America e nel mondo, c’è una sfida tra democrazia e autocrazia, vedi Cina e Russia. Dicono che la democrazia è troppo lenta per risolvere i problemi di oggi e scommettono che l’America diventerà come loro. Ma noi non lo saremo mai“, ha aggiunto Biden.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.