Arrestata ex primula rossa sarda: dovrà scontare 24 anni di reclusione

Graziano Mesina era latitante dal 3 luglio 2020. ora sarà trasferito nel carcere di Nuoro dove sconterà la sua pena

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:15

Dopo oltre un anno di latitanza, sono scattate le manette per Graziano Mesina. Ad arrestare l’uomo, in fuga da luglio 2020 i carabinieri del Ros, in collaborazione con quelli del Gis, del Comando provinciale di Nuoro e dello Squadrone eliportato carabinieri cacciatori “Sardegna”. 

La pena

Mesina, arrestato nella notte tra il 17 e il 18 dicembre, dovrà scontare una condanna a 24 anni di reclusione, che gli era stata notificata dalla Procura Generale della Corte di appello di Cagliari. Secondo quanto riportato dall’Ansa, che cita i legali dell’uomo, Graziano Mesina sarà trasferito nel carcere nuorese di Badu ‘e Carros. 

La cattura

L’ex primula rossa del banditismo sardo era latitante dal 3 luglio 2020, quando era fuggito dalla sua abitazione di Orgosolo. Era stato condannato a 30 anni per associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacente. I Carabinieri lo hanno rintracciato nell’abitazione di una coppia a Desulo, in provincia di Nuoro. I due, che al momento sono indagati per favoreggiamento, potrebbero essere destinatari di provvedimenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.