Anniversario strage di Utoya, premier Norvegia: “Odio non resti incontrastato”

Il premier della Norvegia, Erna Solberg, ha partecipato oggi alla cerimonia di commemorazione nel 10imo anniversario della strage di Utoya

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19
Utoya

L’odio non può “restare incontrastato”: lo ha detto oggi il premier della Norvegia, Erna Solberg, durante la cerimonia di commemorazione nel decimo anniversario della strage di Oslo e Utoya.

Il post della premier della Norvegia, Erna Solberg

“Purtroppo, il tempo non guarisce tutte le ferite – scrive la premier nel lungo post di commemorazione sulla sua pagina Facebook -. Le 77 persone brutalmente uccise sono ancora sparite. Dopo 10 anni è ancora permesso sentire la disperazione. Dopo 10 anni ti è ancora permesso sentire la mancanza. E puoi sentire la rabbia. Ci sono ancora molti che lottano nella vita quotidiana. Mi preoccupa. Inoltre, sappiamo che molti dei sopravvissuti di Utøya sono esposti a calore e minacce. Questo è del tutto inaccettabile. E fa male sentirlo accadere. Dimostra quanto sia importante lottare seriamente contro l’incitamento all’odio, il razzismo e l’estremismo. Non dobbiamo lasciare l’odio inimmaginabile. Il terrore ci ha mostrato che era necessario rafforzare la sicurezza in Norvegia. Abbiamo sistematicamente lavorato su questo. Nei 10 anni passati, abbiamo seguito tutte le raccomandazioni della “commissione del 22 luglio”. La capacità della Norvegia di affrontare il terrore e il crimine grave è più forte di qualsiasi rabbia. Eppure non potremo mai dire che abbiamo finito. La disponibilità deve essere sviluppata in ogni momento. Allo stesso tempo, nuove attrezzature e più poliziotti non possono proteggerci da tutti i pericoli e minacce. Dobbiamo costruire la più importante disponibilità in ognuno di noi. In una protezione rafforzata contro l’intolleranza e l’odio parlano, per empatia e tolleranza. Pertanto, per molti anni abbiamo lavorato in modo propositivo per contrastare radicalizzazione e estremismo violento. Per prevenire razzismo e crimini d’odio. Questo è un lavoro dove tutta la comunità può contribuire. Tutti possiamo assumerci la responsabilità di alzare la voce su atteggiamenti estremi e incitamento all’odio. Che sia a scuola, al lavoro, intorno al tavolo o negli amici. Non è sempre così facile capire quando qualcuno va troppo lontano. Ma è importante che lo facciamo. In democrazia le opinioni dovrebbero essere infrante l’una contro l’altra. Non siamo d’accordo. E poi troviamo le soluzioni.

L’autore della strage, Anders Behring Breivik, in tribunale

“In democrazia – prosegue Solberg – vivremo fianco a fianco in una comunità di contrasti. Lo notiamo tra l’altro nelle settimane fino alle elezioni generali di settembre. Ma minacciare chi la pensa diversamente da te, di lavorare per stare zitto e smettere di impegnarsi – non è democrazia. Usare la violenza per fermare chi la pensa diversamente – è illegale. E non dobbiamo accettarlo. Il terrore del 22 luglio è stato un attacco alla nostra democrazia. Ci fu violenza politicamente motivata rivolta al Partito del Lavoro e all’AUF. Ma è stato più di un movimento politico a colpire. Un intero paese è stato battuto a terra. Ma ci siamo rialzati. Voglio dire grazie a tutti coloro che hanno contribuito a salvare vite quel giorno. Sia qui nel trimestre governativo, sia da Utøya. Grazie a tutti coloro che hanno fatto uno sforzo eroico e decisivo quando si trattava dei più. Fa male ripensare al buio giorno di luglio di dieci anni fa. Oggi piangiamo insieme. Oggi ricordiamo i 77 che non sono più tornati a casa. Dovrebbero ricordarci ogni giorno di quanto sia importante lottare per quella fiducia, trasparenza e diversità che abbiamo in Norvegia. Quella lotta non finisce mai”.

La strage di Oslo e Utoya

Il 22 luglio 2011 l’estremista di destra norvegese Anders Behring Breivik uccise 8 persone con una bomba a Oslo, prima di raggiungere l’isola di Utoya vestito da agente di polizia a uccidere a colpi d’arma da fuoco 69 persone che partecipavano a un raduno del Partito laburista giovanile, ferendone decine. Ventuno anni di prigione, massima pena prevista in Norvegia, Breivik, 42 anni, non si è mai pentito e non intende farlo.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.