Air Italy, decisa la liquidazione: stop ai voli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:42

Saranno garantiti fino al 25 febbraio i voli di Air Italy, dopodiché la liquidazione decisa dagli azionisti fermerà l'attività della compagnia aerea. A riferirlo è una nota diramata dall'azienda che, dice, “lavorerà per ridurre al minimo il disagio per i passeggeri“, spiegando che i voli previsti fino alla data ultima di partenze e arrivi, “saranno operati agli orari e nei giorni previsti da altri vettori mentre i passeggeri che hanno prenotato voli in partenza in date successive al 25 febbraio saranno riprotetti o rimborsati integralmente“. Una decisione presa a seguito “delle persistenti e strutturali condizioni di difficoltà” riscontrate negli ultimi tempi, che hanno spinto i soci Aga Khan (al 51%) e Qatar Airways (al 49%) a dare un taglio all'attività a due anni dal rilancio dell'ex Meridiana.

Lo stop ai voli

Detto dei passeggeri, però, resta il grave nodo dei dipendenti: Air Italy ne conta 1.200, ai quali lo stop ai voli deciso dagli azionisti è stato comunicato con una lettera del presidente Spada. D'altronde, come riportato in una nota ufficiale di Qatar Airways, la compagnia qatariota sarebbe stata disposta “a sostenere il rilancio e la crescita della compagnia aerea”, sostenendo che “sarebbe stato possibile esclusivamente solo con l'impegno di tutti gli azionisti“. Condizioni evidentemente non verificatesi e che hanno reso il deficit di 380 milioni di passivo in due anni (con una regressione del 60% dei suoi ricavi) un ostacolo insormontabile. Sulla questione è intervenuta anche il ministro dei Trasporti Paola De Micheli, che aveva fatto richiesta di un incontro con la società per scongiurare la liquidazione fino almeno a una riunione con i ministeri di competenza: “Non è accettabile la decisione di liquidare un'azienda di tali dimensioni senza informare prima il Governo e senza valutare seriamente eventuali alternative, pertanto mi aspetto che Air Italy sospenda la deliberazione fino all'incontro che possiamo già calendarizzare a partire dalle prossime ore”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.