Afghanistan, rischio di chiusura per gli organi di informazione

L'Unione Nazionale dei giornalisti afghani e la Federazione dei Giornalisti dell’Afghanistan hanno lanciato un appello per gli organi di informazione che sono in una situazione molto difficile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:38
Un leader talebano

In poco più di un mese, dall’inizio dell’avanzata dei talebani ad oggi, in Afghanistan sono stati costretti a chiudere 153 media sparsi nelle varie province del paese.

L’appello della stampa afghana

A rendere noto questo dato eloquente sono stati l’Unione Nazionale dei giornalisti afghani e la Federazione dei Giornalisti dell’Afghanistan che hanno lanciato un appello per gli organi di informazione che attualmente sono presi nella morsa del nuovo esecutivo e dal collasso economico del paese di cui desidererebbero continuare a raccontare nonostante le difficoltà.

La difficile situazione attuale

Nonostante il viceministro alla cultura e all’informazione del governo talebano Zabihullah Mujahid all’inizio del suo mandato abbia fornito agli organi di informazione diverse rassicurazioni in materia di sicurezza e fondi specifici destinati al settore, la crisi è scoppiata con impeto per la mancanza di sostegno e di finanziamento da parte dell’esecutivo e delle agenzie pubblicitarie prima molto presenti.

Ad oggi, come sottolineato da un rapporto dell’Ufficio Europeo di sostegno per l’asilo, la situazione degli operatori dell’informazione rimasti in Afghanistan è drammatica in quanto, coloro che hanno svolto la professione di giornalista durante la precedente amministrazione governativa vengono sistematicamente presi di mira dalle nuove autorità costituite ed i pochi media ancora in attività devono sottostare alle nuove condizioni stabilite dagli studenti coranici.

Gli arresti arbitrari

In particolare, per coloro che non rispettano le nuove direttive materia di diffusione delle notizie, sono previsti il licenziamento oppure specifiche segnalazioni ai nuovi editori che spesso diventano minacce o punizioni che possono sfociare anche in arresti arbitrari, come quello avvenuto nei confronti di due giornalisti che lo scorso 9 settembre sono stati posti in stato di fermo e picchiati per aver documentato una manifestazione di protesta da parte delle donne afghane a Kabul.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.