Afghanistan, Michel (UE): “Usare tutti mezzi Ue per sostenere i diritti civili”

I Talebani minacciano gli Usa: "Il presidente Biden ha annunciato che ritireranno le loro truppe entro il 31 agosto. Se estendono questo termine ci saranno conseguenze"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:21
Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel,

In vista dell’incontro virtuale di domani dei leader del G7, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha parlato degli sviluppi in Afghanistan con il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.

“E’ importante completare l’evacuazione dei cittadini dell’Unione europea, del personale locale e delle famiglie – scrive Michel su Twitter -. I diritti degli afgani, in particolare delle donne e delle ragazze, resteranno la nostra preoccupazione principale: tutti gli strumenti dell’Ue per sostenerli devono essere usati”.

Il vertice G7

Lo scorso 18 agosto il presidente statunitense Joe Biden aveva parlato con il premier britannico Boris Johnson della situazione in Afghanistan e avevano concordato di tenere un summit virtuale dei leader del G7 questa settimana per discutere una strategia e un approccio comuni.

I due leader, si legge in una nota della Casa Bianca, “hanno discusso la necessità di continuare uno stretto coordinamento tra gli alleati e i partner sulla politica da proseguire in Afghanistan, compresi i modi con cui la comunità globale può fornire ulteriore assistenza umanitaria e sostegno ai rifugiati e ad altri afghani vulnerabili”.

Il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan

Intanto i talebani continuano a lavorare per la formazione del nuovo governo e dicono no a una proroga del ritiro delle truppe americane. “Il presidente Biden ha annunciato che ritireranno tutte le loro truppe entro il 31 agosto. Se estendono questo termine vuol dire che stanno prorogando l’occupazione: è una linea rossa e se lo faranno ci saranno conseguenze”. Lo ha detto a Sky News da Doha il portavoce dei talebani, Suhail Shaheen.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.