Addio a Quino, il disegnatore argentino “papà” di Mafalda

Il fumettista è morto in Argentina all'età di 88 anni. Negli anni Sessanta, creò il suo personaggio più famoso, icona dell'arte della vignetta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:52

“Lo piangeranno tutti gli uomini buoni, in Argentina e nel mondo”. Un breve messaggio d’addio che vale più di una lunga orazione. Chi parla è Daniel Divinsky, editore, rivolgendosi a Joaquin Lavado, meglio noto come Quino, fumettista argentino di fama internazionale, scomparso a Buenos Aires a 88 anni. Disegnatore che ascese nell’Argentina del dopo rivoluzione, deve parte della sua fama al personaggio di Mafalda, che ideò proprio negli anni a cavallo tra i governi di Illia e Ongania.

Quino e Mafalda

Inizialmente scartato dalla società che avrebbe dovuto contribuire a pubblicizzare, Mafalda apparve ufficialmente nel 1964, divenendo in breve uno dei fumetti più apprezzati e tradotti nell’arte della vignetta. E contribuendo notevolmente alla fama di Quino, che si allontanò dall’Argentina della dittatura di Videla a metà anni Settanta, quando il suo personaggio più iconico era già nel cassetto da alcuni anni. Ma al quale era bastato appena un decennio per passare alla storia.

In aggiornamento

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.