Acqua alta a Venezia, Mose non attivo

Il Mose al momento non è attivo. La preoccupazione del Procuratore della Basilica di San Marco.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:48

L’acqua alta a Venezia ha toccato una punta massima di 122 centimetri, con parte della città allagata. La rilevazione è riferita al punto mareografico di Punta della Salute. In questo momento il Mose non è attivo. Il centro maree del Comune di Venezia ha diramato un avviso che parla di condizioni meteo in peggioramento. Per Chioggia si ipotizza che l’acqua alta possa essere di 145 centimetri.

A San Marco situazione drammatica

“La situazione è terribile, siamo sotto l’acqua in maniera drammatica“, ha riferito all’Ansa Carlo Alberto Tessein, Procuratore della Basilica di San Marco, in relazione all’acqua alta che ha invaso la città, senza l’entrata in funzione del Mose. “Il nartece è completamente allagato – spiega, raccontando i danni dell’edificio sacro – e se il livello sale ancora andranno sotto anche le cappelle interne”.

Brugnaro: prevista marea di 145 centimetri

Sono al centro maree per seguire l’evolversi della situazione: il picco massimo di 145 centimetri è alle 16.40, a causa del rinforzo anomalo del vento. Il sistema Mose non è attivo”, ha scritto in un tweet il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.