Accoltella la ex e uccide il figlio di lei in Ogliastra: 29enne in fuga

L'uomo - un pakistano - era stato arrestato per maltrattamenti ed aveva ricevuto una misura di divieto di avvicinamento alla donna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16

Tragedia familiare in Ogliastra, Sardegna. Un 29enne di origine pakistana ha ferito a coltellate l’ex compagna 50enne, Paola Piras, e ucciso il figlio 20enne della donna, Mirko Farci, intervenuto per proteggerla. Il delitto è avvenuto all’alba, intorno alle sei del mattino, in via Monsignor Virgilio a Tortolì, in Ogliastra, nella casa della donna. La telefonata al 112 è stata fatta da una parente delle vittime.

La tragedia nella notte

La donna è stata soccorsa dal 118 e si trova ora ricoverata all’ospedale di Lanusei, dove lotta tra la vita e la morte, mentre per il giovane non c’è stato nulla da fare.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, il ragazzo avrebbe cercato di proteggere la madre dalla furia omicida dall’ex compagno che si è introdotto all’alba nella casa della donna, violando il divieto di avvicinamento che era stato deciso dai giudici di Lanusei dopo i maltrattamenti accertati. Di recente l’uomo era stato infatti arrestato per maltrattamenti ed aveva ricevuto una misura di divieto di avvicinamento alla donna. Il pakistano si è dato alla fuga ed è ricercato in tutta la zona.

Il lutto alla scuola IANAS di Tortolì e, nel riquadro, la vittima: Mirko Farci

La scuola di Mirko Farci in lutto

Mentre la sua mamma lotta tra la vita e la morte in ospedale, la scuola che frequentava Mirko, lo IANAS di Tortolì, si è vestita a lutto per ricordare il “piccolo eroe”. Sotto choc compagni di classe e professori – scrive VistaNet – che lo dipingono come un ragazzo solare, rispettoso e buono.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.