Festa 8 marzo, la Priora di Cascia: “Senza le donne non c’è futuro per il Paese”

Dal monastero di Santa Rita da Cascia un appello ai governanti affinché si lavori per la parità dei diritti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:35
Santa Rita da Cascia

“La crisi della pandemia rischia di rendere vani i sacrifici e le lotte per la parità di genere delle donne, che ancora una volta risultano vittime. Penso alle centinaia di migliaia di donne che nel 2020 in Italia hanno perso il lavoro”. A parlare, è la Madre Priora del Monastero Santa Rita di CasciaSuor Maria Rosa Bernardinis, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, lunedì 8 marzo.

L’appello ai governanti

“Insieme alle mie consorelle – prosegue la superiora – prego ogni giorno il Signore per il nostro universo tutto al femminile, il quale attende ancora una vera rivoluzione sociale, economica e culturale necessaria a raggiungere la parità dei diritti. Una parità non più rinviabile. È per questo che faccio appello ai governanti e legislatori affinché permettano alla donna una reale crescita all’interno della nostra società. Senza le donne non ci sarà alcun salto in avanti per il nostro Paese, perché mancherebbe l’apporto del “genio femminile”.

Santa Rita, modello femminile esemplare, sostenga la nostra preghiera affinché i governi si adoperino sempre per il bene delle donne. Ne trarrà beneficio anche l’universo maschile. Non dimentichiamo – conclude Madre Bernardinis – che Dio ha creato l’uomo e la donna a Sua immagine e somiglianza. E li ha creati perché aiutandosi a vicenda contribuissero insieme all’opera della creazione”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.