8 marzo, Cartabia: “C’è ancora strada per donne a capo istituzioni”

Cartabia: "Nella galleria della Camera dei Deputati ci sono due specchi e una scritta che recita: 'nessuna donna è stata ancora Presidente del Consiglio o Presidente della Repubblica'. Sono un monito e un invito"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:47
La Guardasigilli Marta Cartabia

“L’elezione o la nomina di una donna a capo di un’istituzione fanno ancora notizia. Ciò significa che c’è ancora molta strada da fare. I dati confermano che c’è ancora un ampio divario di genere nelle istituzioni pubbliche: in media, i parlamenti degli Stati membri dell’UE hanno solo il 32% dei seggi detenuti da donne” e “nessun parlamento in Europa ha una maggioranza di donne”. Lo ha dichiarato la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, intervenendo all’evento “Women’s Status in Institutions and Culture” al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai, organizzato in occasione della Giornata internazionale della Donna.

“Se ci concentriamo sulla divisione giudiziaria, secondo l’ultimo rapporto della Commissione Europea per l’Efficienza della Giustizia, le donne costituivano il 61% della magistratura nei paesi OCSE-UE, variando dall’81% in Lettonia a 33 % nel Regno Unito. Eppure, ai vertici giudiziari e alla Corte suprema, le cifre sono invertite. Le donne sono ancora sottorappresentate come capi dei tribunali e capi dei pubblici ministeri, a conferma che maggiore è il livello gerarchico, minore è il numero delle donne. E il mio paese non fa eccezione”, ha detto Cartabia riportata da Ansa.

Un’effettiva parità di genere ha bisogno di donne nelle istituzioni pronte a difendere i diritti delle donne”. L’uguaglianza “sulla carta è necessaria, ma non sufficiente. L’uguaglianza è una conquista quotidiana, è sempre un affare in sospeso, che richiede donne nelle istituzioni, sempre vigili”, ha sottolineato Cartabia.

Nella galleria della Camera dei Deputati “ci sono due specchi e una scritta che recita: ‘nessuna donna è stata ancora Presidente del Consiglio o Presidente della Repubblica’. Questi specchi sono lì in modo che ogni ragazza o giovane donna che visita quella galleria possa guardarsi allo specchio. E – chi lo sa? – possono essere ispirati a fare una scelta professionale che alla fine le porterà nelle istituzioni”, ha raccontato Cartabia. “Quegli specchi sono un invito, un appello rivolto a ogni giovane donna che dice: ce la puoi fare”.

Cartabia: “Pil Italia cresciuto ma meno opportunità donne”

“In Italia, c’è stato un aumento rilevante del Pil e del numero di occupati negli ultimi mesi, ma questa ottima notizia contrasta con una diminuzione delle opportunità per le donne. Vorrei anche sottolineare ancora una volta che la pandemia ha anche aggravato la violenza di genere”, ha aggiunto Cartabia dall’Expo di Dubai dove ha incontrato anche la ministra per il Futuro degli Emirati Arabi Uniti, Ohood Al Roumi. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.