42esimo Strage di Bologna, Mattarella: “Atto di uomini vili”

Associazione dei familiari delle vittime del 2 agosto 1980: "Sbloccare la legge che tutela le vittime di terrorismo e stragi"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:43
Sergio Mattarella guerra

“L’ordigno che 42 anni or sono uccise a Bologna persone casualmente presenti quella mattina alla stazione ferroviaria, risuona ancora con violenza nel profondo della coscienza del Paese”. Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nell’anniversario della strage di Bologna del 2 agosto 1980.

Il messaggio di Mattarella

Fu un atto di uomini vili, di una disumanità senza uguali, tra i più terribili della storia repubblicana. Un attacco terroristico che pretendeva di destabilizzare le istituzioni democratiche e seminare paura, colpendo comuni cittadini impegnati nella vita di tutti i giorni”.

“Nel giorno dell’anniversario – continua il capo dello Stato – il pensiero si volge anzitutto ai familiari, costretti a patire il dolore più grande, che hanno saputo trasformare in impegno civile, per testimoniare all’intera società che le strategie del terrore mai prevarranno sui valori costituzionali della convivenza civile. L’azione solidale dei familiari merita la gratitudine della Repubblica”.

La loro tenacia ha sostenuto l’opera di magistrati e di servitori dello Stato che sono riusciti a fare luce su autori, disegni criminali, ignobili complicità. La matrice neofascista della strage è stata accertata in sede giudiziaria e passi ulteriori sono stati compiuti per svelare coperture e mandanti per ottemperare alla inderogabile ricerca di quella verità completa che la Repubblica riconosce come proprio dovere”, conclude Mattarella.

Associazione familiari: “Sbloccare legge su vittime”

Sbloccare la legge che tutela le vittime di terrorismo e stragi. Lo ha ribadito il presidente dell’associazione dei familiari delle vittime del 2 agosto 1980, Paolo Bolognesi. “Da 18 anni – ha detto – c’è una legge licenziata in parlamento nell’agosto del 2004. Diciotto anni per farla funzionare sono troppi. Finalmente avevamo una legge che stava concludendo l’iter con il favore governo che tutti i partiti hanno firmato”.

Ma “in tutto questo iter” ci sarebbero problemi con “i ministeri economici che sembrano fare i furbetti. Qual è un motivo primo per affossare una legge? Dire che costa troppo”, ha detto Bolognesi, secondo cui bisogna evitare che le vittime “debbano fare causa per ottenere quello che gli spetta”, ha aggiunto, criticando “l’ottusità di quei ministeri. Diciott’anni senza normativa sono troppi, per qualche parruccone che vuole una corretta interpretazione”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.