11/9, Di Maio: “La lotta al terrorismo non è finita”

Luigi Di Maio ha parlato all’evento di commemorazione degli attentati dell’11 settembre organizzato oggi dall’ambasciata Usa a Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:26
Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio

“L’11 Settembre ha cambiato ogni giorno degli ultimi venti anni in maniera radicale nelle nostre società, nelle nostre civiltà e nel nostro modo di gestire gli affari esteri come governi alleati. La lotta al terrorismo non è finita. A 20 anni dall’attentato delle Torri Gemelle, è importante preservare la memoria e rendere onore alle vittime, anche ai tanti che hanno perso la vita prestando servizio, come vigili del fuoco e poliziotti”. Lo ha affermato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, all’evento di commemorazione degli attentati dell’11 settembre organizzato oggi dall’ambasciata Usa a Roma.

Il discorso di Di Maio

Il ministro ha sottolineato come questa celebrazione ci porti a “rinnovare l’impegno della nostra alleanza con Stati Uniti e Nato, guardando al futuro insieme per sfide per il progresso per i nostri Paesi e a pericoli che non possiamo affrontare da soli”. “La lotta al terrorismo non è finita, a causa dell’utilizzo delle nuove tecnologie”, ha proseguito riportato da Agenzia Nova.

“Dobbiamo tenere alta la guardia, mettere insieme le intelligence, i nostri apparati militari. Il terrorismo si sradica con approccio olistico” in aree come il Sahel e il Medio Oriente, dove “molti giovani sono nelle mani delle cellule terroristiche” a causa della condizione economica e sociale. Bisogna quindi “lavorare su tutti questi fronti per preservare sicurezza dei nostri Paesi e delle nostre popolazioni, ma anche sviluppare nuovi piani per aiutare altri popoli”, ha concluso Di Maio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.