SABATO 15 FEBBRAIO 2020, 00:01, IN TERRIS

Aborto: le donne hanno il diritto alla verità

Dopo la sentenza in Spagna, ecco come cambia la percezione dell'aborto in Italia e nel mondo

MARCO GUERRA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
P

ubblicizzare l'aborto come "un'operazione che non lascia postumi" e in cui "non c'è nemmeno il rischio di sterilità" è un messaggio ingannevole. È quanto ha stabilito il Tribunale Commerciale numero 3 di Gijàn, in Spagna, giudicando la campagna promozionale realizzata dell'Associazione delle Cliniche Accreditate per l'Interruzione della Gravidanza (ACAI) sul proprio sito web.


Il caso

I giudici hanno dato ragione all’Associazione spagnola degli Avvocati Cristiani, che ha intentato la causa e che chiede che i 28 centri in cui è presente l’ACAI non ricevano un solo euro di denaro pubblico. Il Tribunale di Oviedo ha condannato l'ACAI alle spese, nonché alla pubblicazione della sentenza sul suo sito web e alla modifica della sua pubblicità. "L'ACAI non si preoccupa delle donne, è disposta a mettere pubblicità ingannevole per fare soldi, vendendo l'aborto come se stesse bevendo un bicchiere d'acqua", ha commentato alla stampa locale Polonia Castellanos, presidente degli avvocati cristiani.


Una decisione storica

I movimenti pro-life europei considerano la sentenza una decisione storica perché riconosce le drammatiche conseguenze che l’aborto procura, non solo causando la morte del nascituro, ma mettendo a repentaglio la salute psicofisica della donna. Anche sospendendo qualsiasi giudizio in merito alle legislazioni che consentono l’interruzione di gravida, e tanto più sulle donne che lo praticano, omettere le complicazioni e le possibili patologie legate ad un aborto volontario è un comportamento che lede il diritto della donna ad essere informata. Non c’è ideologia pro-choice e movimento in favore dell’aborto che possa negare la verità, ovvero che l'aborto ha delle conseguenze, tra cui la sterilità se ci sono complicazioni come la perforazione dell'utero; la sindrome post-aborto; l'aumento della probabilità di cancro al seno; di cadere in depressione e persino di commettere atti autolesionistici. Dunque non c’è scelta non possa dirsi veramente consapevole se fatta sulla base di pressioni interessate e di informazioni errate o parziali.


La triste storia di Juan Sebastián

D'altra parte la giurisprudenza si è limitata ad riconoscere quello che la medicina e la scienza hanno sempre rilevato. E per questo motivo fa ancora più discutere il caso, in Colombia, del piccolo Juan Sebastián Medina, il nascituro al settimo mese di gestazione la cui madre ha deciso di abortire. I vescovi colombiani hanno espresso “profonda tristezza e costernazione per la morte, provocata tramite aborto, di un bambino non ancora nato”, che per di più “gode di ottima salute”. La donna ha motivato infatti la sua decisione adducendo ragioni psicologiche, problemi economici e difficoltà affettive, poiché il suo legame con il padre del bambino – peraltro contrario all’aborto - si è interrotto. I vescovi di Bogotá hanno quindi esortato alla preghiera e si sono detti "perplessi" per il fatto che le istituzioni del Paese "non garantiscono i diritti del padre il quale, con insistenza e tenacia, lotta per la vita per figlio". La Colombia è arrivata ad una simile brutalità dopo alcune sentenze della Corte Costituzionale che hanno completamente depenalizzato l'aborto rendendolo possibile durante tutta la gravidanza. Per arginare una deriva mortifera senza regole, il Ministero della Salute sta lavorando ad un regolamento attuativo di queste sentenze.


L'aborto in Italia

Intanto non si fermano le pressioni di Ong, movimenti, partiti e dei grandi media per modificare le legislazioni di quei pochi Paesi al mondo – come Perù, Malta, Polonia e Brasile – dove l’aborto è illegale o consentito solo se si presentano circostanze estreme come il pericolo di morte per la madre. L'Italia dal canto suo si è attestata sui circa 80mila aborti l’anno, praticati in un Paese in pieno declino demografico e che nel 2019, con appena 435mila nascite, ha segnato il record negativo di ricambio naturale. In pratica viene abortito poco meno che un ogni cinque nati, senza considerate le centinaia di migliaia di aborti farmacologici eseguiti con pillola del giorno dopo e dei cinque giorni dopo.

Ma se l’aborto fosse davvero quella passeggiata che non lascia segni non si spiegherebbe perché, malgrado la diminuzione dei credenti, resti sempre costante negli anni il numero di ginecologi obiettori di coscienza: sette su dieci. Un scelta che non ha nulla di confessionale e che è dovuta alla conoscenza di quella verità che rende veramente liberi.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Mariella piccione
15 Febbraio 2020 @ 08:04
Sono totalmente d'accordo sul fatto che l'aborto - anche quello spontaneo - porti conseguenze pesanti nel vissuto della madre. Lo dico per esperienza, perché faccio la consulente familiare. Non credo però che giovi alla causa elencare conseguenze come la perforazione dell'utero, ovviamente esclusa se l'aborto è praticato in ambiente medico, o gli atti autolesionistici che al massimo potranno essere uno dei sintomi depressivi in qualche rarissimo caso. Mentre la depressione e il rimorso sono quasi la regola e soprattutto il secondo dura tutta la vita. Altro dato da non portare in palmo di mano a favore della tesi antiabortista è quello dell'elevato numero dei medici obiettori di coscienza. Purtroppo è risaputo che molti medici obiettori nelle strutture pubbliche praticano poi l'aborto a pagamento nelle cliniche private.

Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
GIGANTI DELLA RETE

Web tax contro l'impunità fiscale

All’editoria mancano 3 miliardi. Da un convegno in Senato l'appello per portare la tassazione dei colossi di Internet...
GIORDANIA

Tragico incidente a Petra, muore turista italiano

La vittima, Alessandro Ghisoni, è stato ucciso dalla caduta accidentale di massi
Un migrante bengalese che vende selfie stick - Foto © Diego Cuopolo per IRIN
PALERMO

Violenza su bengalesi, arrestata banda di giovani

Aggressione con mazze da baseball. Ipotesi di raid punitivo a scopo razziale
SICUREZZA

Bonus seggiolini: via a contributo statale, ma il sito va in tilt

Il contributo statale dovrà essere speso entro un mese
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, 38enne ricoverato grave a Lodi. Contagiati altri due

A fini cautelativi è stato chiuso il Pronto Soccorso di Codogno. L'assessore Gallera: "Lieve miglioramento, ma in...
BELPAESE

Istat: Italiani più soddisfatti al Nord

Aumenta la soddisfazione generale degli Italiani. Più contenti i giovanissimi
La nave Diamond Princess attraccata al porto di Yokohama - Foto © Kim Kyung-Hoon per Reuters
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, il rientro degli italiani slitta a domani

Negativi i primi test effettuati sulla nave. Migliorano le condizioni dei coniugi allo Spallanzani
GRAN BRETAGNA

Londra, muezzin accoltellato in una moschea: fermato l'aggressore

L'aggressione all'interno della moschea di Regent's Park
CATANIA

Caso Gregoretti: chiesta udienza preliminare per Salvini

L'atto è stato depositato dalla Procura di Catania alla presidenza del Gip
SFRUTTAMENTO LAVORATIVO

Approvato il primo piano nazionale contro il caporalato

Dieci le azioni prioritarie del piano, tra cui anche assistenza, protezione e reinserimento socio-lavorativo delle vittime
In primo piano, la cosiddetta
ITALIA

Scampia, inizia la demolizione della Vela: "Non siamo solo Gomorra"

Il plauso del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris: "Una nuova periferia è possibile"
UDIENZA PONTIFICIA

"Etica ecologica contro l'egolatria"

Papa Francesco traccia le prospettive dell'educazione cattolica nel terzo millennio globalizzato
Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi
POLITICA

Il piano di Renzi per l'Italia. Presto l'incontro con Conte

Il leader di Iv pensa a come rilanciare il Paese. Timore per una destabilizzazione del governo
Panetto di cocaina
OPERAZIONE ANTIDROGA

Roma: sequestrata cocaina per un valore di 35mila euro

Cinque arresti, il commento del capitano Passaquieti della Compagnia di Frascati
Il bacio dell'uomo disabile a Papa Francesco - Foto © Andrew Medichini per AP
GESTI DI MISERICORDIA

Quel bacio al Papa che ha commosso il mondo

Ieri in udienza il Pontefice ha ricevuto un "regalo" inaspettato
MEDIO ORIENTE

In soccorso del Libano sull'orlo della bancarotta

Beirut chiede aiuto al Fondo Monetario internazionale. La drammatica situazione economica e finanziaria del Paese con più...