MERCOLEDÌ 31 MAGGIO 2017, 000:05, IN TERRIS

Yale: grazie all'optogenetica, individuati i neuroni dell'abbuffata

MILENA CASTIGLI
Yale: grazie all'optogenetica, individuati i neuroni dell'abbuffata
Yale: grazie all'optogenetica, individuati i neuroni dell'abbuffata
Cosa spinge un mammifero ad abbuffarsi di cibo benché non ne abbia la necessità? Una manciata di neuroni. Lo rivela uno studio condotto dai ricercatori della Yale University pubblicato sulla rivista dell'Associazione Americana per l'Avanzamento della Scienza.

I neuroni dell'abbuffata


Dall'esperimento condotto su dei topi, si è scoperto che, stimolando loro alcuni neuroni specifici, i piccoli roditori venivano spinti ad abbuffarsi immediatamente di cibo. Lo studio dell'Università di Yale (nel Connecticut, Usa) si è concentrato su un'area del cervello poco studiata, chiamata "zona incerta", che si trova nel subtalamo dei topi.

L'optogenetica


Lo studio è stato condotto con tecniche di optogenetica. Si tratta di una scienza emergente che combina tecniche ottiche e genetiche di rilevazione, allo scopo di sondare circuiti neuronali all'interno di cervelli intatti di mammiferi e di altri animali, in tempi dell'ordine dei millisecondi. I neuroni vengono stimolati in maniera molto precisa con dei fasci di luce provocando delle risposte da parte del cervello.

L'esperimento


I ricercatori Xiaobing Zhang e Anthony N. van den Pol hanno rilevato che, dopo dieci minuti di stimolazione continua dei neuroni della zona incerta, i topi consumavano rapidamente il 35% del cibo ad alto contenuto di grassi che normalmente consumano in ventiquattro ore. Ripetendo la stimolazione per cinque minuti ogni tre ore, riporta l'Ansa, in due settimane i topi hanno cominciato ad abbuffarsi aumentando nettamente di peso.

Ciò nonostante, una volta interrotta la stimolazione, i topi hanno diminuito la quantità di cibo mangiato anche rispetto al campione di riferimento, un gruppo di topi che non aveva subito alcuna stimolazione. Sempre grazie alle tecniche di optogenetica, lo scorso dicembre i ricercatori dell'Harvard Medical School e del Beth Israel Deaconess Medical Center avevano individuato le cellule nervose che invece provocano il senso di sazietà.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un astronauta nello spazio
MISSIONI SPAZIALI

Febbre tra le stelle, ma è una reazione normale

La temperatura corporea si sviluppa gradualmente dopo circa 2,5 mesi dall'inizio della permanenza in orbita
Militari turchi
SIRIA

Erdogan: "Sì all'attacco nell'enclave curda di Afrin"

Ankara: "L'operazione è legittima autodifesa"
La ricerca del lavoro
LAVORO

L'ufficio di collocamento? Meglio gli amici

Indagine Eurostat sul mondo dell'occupazione
Il premier Paolo Gentiloni
PARTITO DEMOCRATICO

Gentiloni: "Mi candido nel Collegio Roma 1 alla Camera"

Sì all'accordo con la lista Più Europa di Emma Bonino
Papa Francesco celebra la Santa Messa a Trujillo Photo © Twitter
PAPA IN PERÙ

"In mezzo al dolore Dio ci offre la sua mano"

Testo completo dell'omelia pronunciata sulla spianata costiera di Huanchaco, a Trujillo
Carabinieri a un posto di blocco
SIRACUSA

Minorenne incinta faceva da corriere della droga

I provvedimenti cautelari hanno riguardato dieci persone