GIOVEDÌ 27 AGOSTO 2015, 12:47, IN TERRIS

WASHINGTON, MORTO UNO DEI PANDA NATI IN DIRETTA WEB: ERA TROPPO DEBOLE

Molto spesso, quando i panda giganti danno alla luce una coppia di gemellini, la madre si rifiuta di prendersi cura di uno dei due

AUTORE OSPITE
WASHINGTON, MORTO UNO DEI PANDA NATI IN DIRETTA WEB: ERA TROPPO DEBOLE
WASHINGTON, MORTO UNO DEI PANDA NATI IN DIRETTA WEB: ERA TROPPO DEBOLE
Non ce l'ha fatta uno dei due gemellini di panda nati nel National Zoo di Washington. Dopo soli tre giorni e mezzo di vita è morto, mentre il secondo cucciolo - assicura il personale dello zoo - sarebbe in ottime condizioni. Il piccolo panda non aveva dato segni che lasciassero presagire il peggio fino a ieri mattina. Aveva trascorso parte della notte con la madre Mei Xiang mentre il fratellino era nell’incubatrice, ha detto Donald Neiffer, il capo veterinario del National Zoo. Era questa la procedura, che ora solleva dubbi, scelta dalla struttura veterinaria: per aiutare mamma panda a gestire i neonati, mentre uno dei cuccioli stava con lei l’altro veniva messo in incubatrice, con turni di tre o quattro ore circa.

Gli addetti in questi giorni sono stati incessantemente impegnati nel delicato compito di scambiare i cuccioli ogni poche ore, in modo che ciascuno avesse la possibilità di essere allattato e di "legare" con la madre. La tecnica ha permesso a diverse coppie di gemelli panda di sopravvivere negli ultimi dieci anni. Il tasso di sopravvivenza per i cuccioli di panda nati in cattività è oggi superiore all'80%, mentre 20 anni fa era sotto il 20%.

Molto spesso, quando i panda giganti danno alla luce una coppia di gemellini, la madre si rifiuta di prendersi cura di uno dei due, che inesorabilmente muore. Ma, proprio per evitare questo triste destino ai cuccioli di mamma Mei Xiang, gli addetti dello zoo si erano organizzati in turni per scambiare i piccoli panda ogni tre-quattro ore, in modo che potessero essere nutriti e avere il tempo di "legare" con la madre.

Nella giornata di ieri si era visto che uno dei due cuccioli necessitava di attenzioni mediche 'extra' da parte del personale del bioparco perché la sua mamma, Mei Xiang, lo aveva praticamente abbandonato. Ma Mei Xiang non aveva accettato il piano e da lunedì pomeriggio accettava con sé solo il cucciolo più grande.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci
Il logo di Confindustria
CONFINDUSTRIA

"Il Pil cresce, Italia al bivio dopo il voto"

Il Centro studi rivede al rialzo le stime del 2018 ma avverte: "C'è il rischio arretramento"
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'accusa nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Emmanuel Macron durante il summit (foto di ansa.it)
CLIMA

Macron: "Stiamo perdendo la battaglia"

Il presidente francese ha aperto lo "One Planet Summit" di Parigi. "Non dobbiamo sbagliare"
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo