VODOO, DROGA E VENDETTE: ECCO LE NUOVE MAFIE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:01

L’agguato nel quale è stato ucciso il boss Giuseppe Dainotti ha portato le lancette dell’orologio indietro nel tempo. Alla seconda guerra di mafia, scatenata dai Corleonesi di Totò Riina e Bernardo Provenzano nel 1981 e terminata con l’annientamento della vecchia guardia. Oggi come allora Palermo si è risvegliata tra lampeggianti e sirene, lenzuola bianche e chiazze di sangue e già qualcuno s’interroga se quest’omicidio non sia il casus belli di una nuova stagione di stragi.

Di sicuro, al momento, c’è solo la certezza che la mafia non è stata ancora sconfitta. Si muove in modo più prudente, preferisce il silenzio al rumore, dalla strada è salita nei Palazzi, si è resa invisibile e forse, per questo, è ancor più pericolosa. E negli anni è stata affiancata da organizzazioni altrettanto temibili, spesso frutto dei fenomeni migratori, che hanno consentito al crimine di superare la tradizionale tripartizione Camorra-Cosa Nostra-‘Ndrangheta. Fenomeno che, unitariamente considerato, è stato battezzato col nome di “Pentacamorra“, cui l’Ansa tempo fa ha dedicato un focus approfondito.

I boss del Vodoo

Tra i nuovi clan un posto di rilievo è stato assunto dai “cultisti nigeriani“. Sono specializzati nello spaccio, nel racket e nello sfruttamento della prostituzione: solo per quest’ultima attività il giro d’affari calcolato è di quasi due miliardi, reinvestiti nell’acquisto di armi e droga. A Ballarò (storico quartiere di Palermo) uno dei loro gruppi, i “Black Axe“, è il braccio armato della Cosa Nostra palermitana: le loro spedizioni sono a colpi di asce e bottiglie e solo qualche mese fa sono arrivati i risultati di una prima operazione che ne ha decimato i vertici. Per entrare nei ranghi i boss eseguono sul futuro affiliato un vero e proprio rituale Vodoo. Hanno un’organizzazione piramidale protetta da una rete di omertà rafforzata da suggestioni esoteriche e minacce di ritorsioni: in cima ci sono i “lord“che rappresentano i vertici nazionali, divisi in “consigli degli anziani” e dai “direttori operativi“. I “butchers“, i cosiddetti macellai, sono invece i picchia duro impegnati nei “match“: irruzioni a colpi di bastone, machete e torture. Alle donne è affidata la gestione delle prostitute, oltre diecimila in Italia, e dei “boys” tuttofare.

Latinos

Le gang latinoamericane sono forti soprattutto nel Nord Italia, in particolare a Milano e in Liguria. Da qualche anno le pandillas – i singoli gruppi all’interno dell’organizzazione, formati da decine di persone – investono nelle rapine e nello spaccio di droga. I soldi guadagnati vengono gestiti dai boss. E ci si arma anche con qualche pistola rimediata, fino ad allargare il giro ai non latinos: al supermarket del degrado è facile arruolare anche filippini, marocchini e italiani. Si entra nel gruppo con una gara di resistenza ai calci sferrati dai membri per qualche minuto e poi si giura fede alla propria banda e odio agli rivali. I regolamenti di conti sono all’aperto, in metropolitana o in ferrovia. Se si sfugge alla punizione, un membro della famiglia rischia grosso con stupri e violenze. Se prima sembravano gang di ragazzini attratti dall’appartenenza malavitosa nello stile dei bassifondi newyorkesi, adesso i capibanda entrano a contatto con livelli criminali più alti.

Dalla Cina con furore

Delle mafie di origine straniera quella cinese è forse la più antica. Negli ultimi anni ha conquistato anche il mercato di alcuni tipi di droga (come le metanfetamine) venduta anche a 300 euro al grammo. L’affare più redditizio resta, però, il gioco d’azzardo gestito dalle bische asiatiche, spesso divise in stanze che distinguono clienti cinesi e italiani. E poi ci sono il commercio, la prostituzione e il racket interno: alcuni mesi fa gli incendi che hanno devastato una serie di negozi cinesi a Massa Carrara hanno acceso le ipotesi sulle possibili infiltrazioni della mafia orientale nel territorio apuano, ma anche in Lombardia e Lazio oltre alla Toscana.

Da ladri a boss

Molto pericolosa, e attiva soprattutto nel Lazio e in Puglia, è la Organizacija georgiana. E’ composta, per lo più, da ex detenuti delle carceri russe. I boss sono i “ladri in legge” (vory v zakone) e da anni fanno affari principalmente con la ‘Ndrangheta. Gran parte dei bottini di furti e rapine – messi a segno con tecniche rapide ed efficaci – confluiscono nel fondo di investimento di ogni clan. Il secondo passo spetta poi alla componente esperta in finanza, che ricicla miliardi all’estero: è una sorta di succursale della mafia russa, che fa affluire soldi attraverso compagnie di spedizioni o società di agenzie turistiche collegate a Mosca, tanto che alcuni loro investimenti hanno coinvolto in passato le compagnie di tycoon russi. Ma le decisioni spettano sempre solo al consiglio criminale della shodka.

Foggia violenta

La “Società foggiana” è considerata la più pericolosa tra le mafie italiane in ascesa. Storicamente nasce dalle ramificazioni in Puglia della camorra campana, in particolare quella che negli anni ’80 faceva capo a Raffaele Cutolo e alla sua temibile Nco (Nuova Camorra Organizzata). Ha ormai consolidato la presenza a Foggia ed ha i suoi quartieri generali nella provincia, a Cerignola e San Severo, fino ad espandersi annettendo anche la cosiddetta mafia del Gargano. Il nucleo criminale è composto da qualche centinaio di persone, ma continua a fare proseliti tra i giovani. E’ una delle organizzazioni criminali che spaventa di più ed ha all’attivo già quasi un centinaio di omicidi. Oltre alla droga e alle estorsioni, le nuove frontiere commerciali sono quella edile e vitivinicola, come documentano alcune operazioni degli ultimi anni. La loro aggressività ha scoraggiato ogni possibile avanzata sul territorio della Sacra Corona Unita, ormai relegata alla zona del Salento.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.