GIOVEDÌ 18 SETTEMBRE 2014, 11:00, IN TERRIS

Dal 2015 l'uomo avrà un cervello più grande

Il progresso scientifico inciderà sull'anatomia. Saremo anche più longevi

SARAH SCHENA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Dal 2015 l'uomo avrà un cervello più grande
Dal 2015 l'uomo avrà un cervello più grande
[cml_media_alt id='5487']evoluzione[/cml_media_alt]La durata della vita si allunga, ricerche scientifiche assicurano che dal 2015 in avanti l’uomo diventerà più longevo, raggiungendo i  120 anni di vita,  il cervello aumenterà il suo volume fisico e le sue capacità elaborative, mentre si ridurranno le dimensioni corporee dei genitali. La nanotecnologia, le alterazioni genetiche e l’intelligenza artificiale innescano già oggi un percorso dell’evoluzione della specie umana. Il progresso scientifico, ma soprattutto tecnologico, cambiano lo stile di vita dell’uomo e ne alterano il ritmo biologico, e questo avrà conseguenze notevoli sullo stile di vita. L’età media si è già elevata ad 80 anni. Si concepiranno sempre meno figli e sempre più tardi. Infatti già oggi le donne che concepiscono un figlio dopo i 35 anni sono in numero crescente. La nanotecnologia consentirà di sopperire alle complicanze fisiche dell’invecchiamento attraverso delle protesi. La ricerca in campo medico fronteggerà il problema angusto delle malattie.

Sebbene ci siano degli aspetti positivi in questa prospettiva, sorgono anche dei dubbi sui benefici che si trarranno da questo cambiamento. Ad esempio la considerazione che le industrie farmaceutiche cercheranno, come già avviene, di massimizzare i propri profitti indirizzando la ricerca su alcuni ambiti a scapito di altri. Il numero calante di nascite porterà alla diminuzione degli esseri umani, anche se più evoluti. La conseguenza dell’allungamento dell’età, porterà ad un numero elevato di persone anziane, quelle che disporranno di risorse finanziarie sufficienti saranno autonome, le altre invece no.

 
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Biglia di Marco Pantani

Marco Pantani il campione

D  opo quindici anni di oblio, ecco che ritorna alle cronache una delle storie più cupe dello sport...
Basket
BASKET

Denuncia di una mamma: "Razzismo verso mio figlio"

Il 13enne sarebbe stato insultato dai genitori di una squadra avversaria a Milano
Pasta con le alici
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pasta con le alici alla palermitana: estate batti un colpo

Sarà una ricetta siciliana a proiettarci, finalmente, verso la bella stagione?
Migranti in Italia

Scontro Onu-Viminale sui migranti

L'Organizzazione contro il Dl sicurezza: "Viola i diritti umani" Secca replica del Ministero dell'Interno
Fake news

Se ad alimentare la democrazia sono le fake

Un'indagine del quotidiano il Sole 24 ore, affronta il tema mai indagato dai media, del numero fasullo dei seguaci...
L'ultima cena (Andrea del Castagno)

Il punto di contatto fra umano e divino

Cosa ci dice Gesù nel Vangelo della quinta domenica di Pasqua