USA-CUBA: AL VIA IL COLLEGAMENTO CON I TRAGHETTI, DA LUGLIO ANCHE I VOLI

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:49

Stati Uniti e Cuba ancora più vicini, grazie al disgelo avviato da Barack Obama e Raul Castro. Infatti le autorità americane hanno autorizzato una storica svolta: riapre l’antica rotta turistica via mare tra la Florida e l’isola caraibica. Almeno due compagnie americane potranno effettuare il servizio traghetti tra Miami e L’Avana, e questo non accadeva da più di 50 anni.

Ma le sorprese non finiscono qui: a partire dal 3 luglio la compagnia aerea JetBleu, che ha il suo quaertier generale a New York, inaugurerà un collegamento andata e ritorno tra la Grande Mela e la capitale cubana. L’iniziativa è stata esposta alla presenza del governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo, reduce da una missione a Cuba il mese scorso, alla guida di un gruppo di imprenditori della sua zona.

Durante la missione sono state gettate le basi per avviare una collaborazione tra diverse imprese e le autorità cubane. E si cominciano a raccogliere i frutti. In particolare i voli partiranno dallo scalo newyorkese del Jfk ogni venerdì alle 3.30 del pomeriggio per atterrare all’Havana José Marti International Airport. Per quanto riguarda il collegamento via mare, invece, la corsa tra gli operatori dei traghetti per accaparrarsi il servizio è già partita da tempo. Infatti sono almeno cinque le società di navigazione che hanno già presentato domanda alle autorità americane, e ora due di queste sono state approvate dal governo federale. Presto, dunque, le due società autorizzate cominceranno a operare i collegamenti, permettendo a migliaia di famiglie cubane di riunirsi. Infatti, per ora, il turismo tra Stati Uniti e Cuba resta proibito. Ma gli operatori scommettono sul fatto che ben presto anche quest’ulteriore barriera cadrà, man mano che l’embargo verso L’Avana verrà allentato.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.