Urge sangue, immigrati si presentano in ospedale per donare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Gesto di solidarietà da parte di un gruppo di immigrati ospiti di un centro d’accoglienza nel beneventano. I rifugiati hanno raccolto l’appello dell’Ospedale Rummo di Benevento a donare sangue nel periodo estivo, quando c’è maggiore necessità.

L’appello a donare sangue

Questo l’annuncio dell’ospedale: “A causa di notevoli necessità di sangue per eventi trattati presso il nostro Ospedale, le riserve di sangue gruppo A e gruppo 0 sono diventate carenti. Sono state effettuate richieste in ambito regionale ed in attesa di risposte appare necessario chiedere donazione di sangue di gruppo A e di gruppo 0″.

La risposta degli extracomunitari

Ecco allora che tra i vari donatori che immediatamente hanno risposto all’appello, ci sono anche alcuni extracomunitari, circa una decina, che si sono recati presso la sala trasfusioni del nosocomio, come documentano le foto pubblicate sulla testata campana Ottopagine. Si tratta di extracomunitari ospitati nei centri Damasco 1, 2 e 6 di Montesarchio, Benevento, Castelvenere e Sant’Agata dei Goti. Essi, dopo aver saputo dell’emergenza sanitaria, si sono presentati dinanzi al reparto della struttura per rendersi utili.

Un “gesto di cuore”

I giovani, originari della Nigeria, Centro Africa, Gambia, Senegal, Mali e Sudan, si sono sottoposti alle visite e alle analisi di routine prima del via libera alla donazione.

“Una donazione – si legge su Ottopagine – fatta col cuore e anche con un poco di timore visto che per la maggior parte di loro si è trattata della prima volta”. Ed ancora: “Un gesto di cuore quello degli ospiti dei centri Damasco nato anche dall’esigenza e dalla voglia di ringraziare la terra che li ospita“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.