SABATO 04 LUGLIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Uno scudo per i camici bianchi

AUTORE OSPITE
Uno scudo per i camici bianchi
Uno scudo per i camici bianchi
paola_tullierLa normativa Balduzzi dal nome del Ministro proponente (D.L. 2012, n. 158) esonera da responsabilità il medico che abbia cagionato un danno nella sua attività sanitaria, in caso di colpa lieve, quando egli si sia attenuto ad accreditate linee guida o ad affidabili pratiche terapeutiche.

Il caso per cui il Legislatore è intervenuto è quello in cui il sanitario si sia affidato alle strategie suggeritegli dal sapere scientifico consolidato, abbia correttamente inquadrato il caso nelle sue linee generali e tuttavia, in concreto, abbia commesso qualche errore pertinente proprio all'adattamento delle direttive di massima alle evenienze ed alle peculiarità che gli si prospettano nello specifico caso clinico.

In tale caso, la condotta sarà soggettivamente rimproverabile, in ambito penale, solo quando l'errore sia non lieve. Evidentemente il legislatore ha voluto prender atto, a fronte delle plurime denunzie e querele contro i medici, della complessità e difficoltà dell'ars medica che, spesso, deve affrontare questioni complesse e ciò in presenza di rischi preventivamente imponderabili o, comunque, specifiche rilevanti contingenze.

In tali casi la valutazione ex ante della condotta terapeutica, tipica del giudizio sulla colpa, dovrà essere rapportata alla difficoltà delle valutazioni richieste al professionista: il terapeuta complessivamente avveduto ed informato, attento alle linee guida, non sarà rimproverabile quando l'errore sia lieve, ma solo quando esso emerga come serio e rilevante.

In conclusione, alla stregua della nuova legge, le linee guida accreditate operano come direttiva scientifica per l'esercente le professioni sanitarie; e la loro osservanza costituisce uno difesa preventiva contro istanze punitive in presenza di errori di poco conto e di paralleli danni lievi.

Si richiede di comprendere se la gestione di quello specifico rischio sia stata gestita da linee guida qualificate, se il professionista si sia ad esse attenuto, se infine, nonostante tale complessivo ossequio ai suggerimenti accreditati, vi sia stato alcun errore e, nell'affermativa, se esso sia lieve o meno.

Inoltre, si tratterà pure di valutare se una condotta terapeutica appropriata avrebbe avuto qualche qualificata probabilità di evitare l'evento, ma in ciò non vi è nulla di nuovo rispetto agli ordinari criteri di accertamento della colpa.

Accertato che il danno non è grave o, meglio, è lieve, occorre inoltre verificare se il terapeuta abbia posto in essere condotta gravemente colposa che possa fondare l'addebito.

A circa due anni dall’entrata in vigore, il sistema che si è voluto strutturare deve esser giudicato positivamente. Da una parte, infatti, il medico avveduto, preparato e rispettoso delle tecniche consolidate ( il che non vuol dire che si richieda conformismo, ma anzi che in casi specifici correttamente possono esser intrapresi senza rischi nuovi e moderni percorsi terapeutici) oggi è maggiormente al riparo da querele che in tante occasioni, pur essendosi rivelate infondate, hanno certo inciso sulla serenità del professionista, d’altro canto permane la tutela del paziente che ha subito un danno poichè non è stata preclusa la via del risarcimento in sede civile, meccanismo più agile e che presenta maggior possibilità di pronto ristoro.

Parallelamente l’incidenza positiva si può registrare sulla quantità dei procedimenti penali iscritti, limitando il numero dei procedimenti penali, prima causa della lentezza della giustizia, ragione delle tante dichiarazioni di prescrizioni dei reati che incidono così negativamente sulla credibilità del sistema.

Avv. Paola Tuillier
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"