Una mano per la ricostruzione, a Norcia i giovani volontari da tutta l’Europa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04

Provengono da Austria, Francia, Grecia, Ungheria, Portogallo e Spagna i sedici giovani che sono arrivati a Norcia nell’ambito del progetto “Gioventù europea per Norcia“. L’obiettivo è quello di dare un aiuto concreto nel processo di ricostruzione post terremoto nella cittadina Umbra.

Il Corpo di solidarietà dell’Unione Europea

I volontari fanno parte del Corpo di solidarietà dell’Ue, entrato in azione dopo meno di un anno dal suo lancio. Il compito dei volontari sarà quello di ricostruire gli edifici storici rimasti gravemente danneggiati dal sisma, tra cui la Basilica di San Benedetto e il monastero dei Benedettini. Un altro aspetto chiave del progetto, come sottolineato dal sito www.ansa.it, è quello di avviare una collaborazione con i giovani e gli anziani di Norcia, tramite l’organizzazione di seminari, attività all’aperto e manifestazioni culturali.

Altri giovani in arrivo a settembre

Inoltre, come sottolineato dalla Commissione dell’Unione Europea, a settembre è atteso l’arrivo di altri giovani volontari che parteciperanno ad altri due progetti che saranno guidati dall’organizzazione Arcs-Arci Culture Solidali e dal Comune di Pescara. Nel complesso, da oggi al 2020, saranno 230 i giovani volontari del Corpo di solidarietà Ue che sosterranno le comunità italiane colpite dai terremoti, per un totale di 790mila euro concessi da Bruxelles per tali progetti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.