GIOVEDÌ 02 APRILE 2015, 000:13, IN TERRIS

Una giustizia classista

AUTORE OSPITE
Una giustizia classista
Una giustizia classista
vaccarella-150x15031Difficile far capire a uno straniero il funzionamento del sistema giudiziario italiano. Complicato spiegare come sia potuto accadere che due ragazzi, a questo punto secondo la giustizia italiana del tutto innocenti, Amanda e Raffaele, possano essere rimasti per otto anni sotto processo. Parliamo del delitto di Perugia, la morte per mano di più assassini, alcuni dei quali tuttora sconosciuti, di Meredith Kercher. Cinque gradi di giudizio non sono bastati per capire chi abbia ucciso la ragazza insieme all'unico colpevole accertato, l'ivoriano Rudy Guede. Di certo a questo punto c'è solo un dato, quello fissato dalla Cassazione nei giorni scorsi: Amanda e Raffaele sono del tutto estranei al delitto. Ma è proprio il combinato disposto delle sentenze che si sono susseguite in tutti questi anni a rendere evidente la sconfitta della giustizia. Secondo i giudici, è certo che Rudy non abbia agito da solo, ma con chi non è dato sapere. Sarebbe sbagliato tuttavia attribuire la responsabilità del fallimento al solo sistema giudiziario.

Anche la fase investigativa ha avuto le sue colpe; parliamo ad esempio del fatto che troppo ci si è affidati alle indagini scientifiche, che evidentemente hanno dimostrato di non riuscire sempre a tirar fuori un colpevole, specie se i rilievi vengono effettuati in maniera approssimativa. C'è però anche un altro dato che fa riflettere. L'accanimento di certe procure nei confronti di questo o quel sospettato, di questo o quell'imputato, che nel caso del processo di Perugia ha portato al seguente risultato: chi aveva meno mezzi per difendersi, è il caso di Guede, è stato condannato. Chi invece ha potuto affrontare questi lunghi anni di processo, sborsando centinaia di migliaia di euro per avvocati e periti, alla fine è riuscito a dimostrare la propria innocenza. Una giustizia "classista" che mette davvero i brividi.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
giustizia
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Il museo Must di Vimercate
MOSTRA

"Il Segno del '900": da Cezanne a Picasso, da Kandinskij a Fontana

Dal 16 dicembre 2017 all'11 marzo 2018 presso il Museo del territorio di Vimercate (MB)
Lo Sferisterio di Macerata
MACERATA OPERA FESTIVAL

Il Mof si tinge di "verde speranza"

Le opere: Flauto magico, Elisir d'Amore e Traviata degli specchi
Maria Elena Boschi

La solita storia

Gran rumore sulla vicenda di Maria Elena Boschi e del suo ‘interesse’ per la Banca Etruria di cui il suo...
Le chiese copte colpite dagli attentati la Domenica delle Palme
TERRORISMO | EGITTO

Timori per il Natale, alta protezione per le chiese

Il governo ha rafforzato le misure di sicurezza davanti a tutti i siti sensibili senza fare distinzioni