GIOVEDÌ 04 SETTEMBRE 2014, 16:23, IN TERRIS

Un suicidio ogni 40 secondi. Il monito dell’Oms ai governi del mondo

Secondo un rapporto uscito a Ginevra la scorsa settimana, ogni anno si tolgono la vita 800.000 persone. In testa i paesi a basso e medio reddito, e l’Organizzazione chiede agli Stati di provvedere alla prevenzione del fenomeno

GISELLA FEBBO
Un suicidio ogni 40 secondi. Il monito dell’Oms ai governi del mondo
Un suicidio ogni 40 secondi. Il monito dell’Oms ai governi del mondo
[cml_media_alt id='2413']suicidio-OMS[/cml_media_alt]Già nel 1897, il sociologo Emile Durkheim considerava il suicidio effetto principale dello sconvolgimento sociale e valoriale. Secondo lo studioso la principale causa di questo fenomeno non è tanto la dimensione psicologica dell’individuo, quanto la struttura della società nel suo complesso. Le parole contenute nei suoi scritti sembrano attualissime perché giovedì scorso, in uno studio pubblicato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità a due settimane dalla morte dell’attore Robin Williams, sono emersi dati sconcertanti.

Al mondo si commette un suicidio ogni 40 secondi, secondo le stime dell’Oms. E ciò significa che ogni anno si tolgono la vita complessivamente 800.000 persone. Il primo “Rapporto sulla prevenzione del suicidio” è stato pubblicato a Ginevra, ed esprime un disagio che non conosce confini geografici. Tuttavia, il testo precisa che di tutti i paesi analizzati solo 28 hanno messo in campo strategie nazionali per la prevenzione del suicidio. In Svizzera, ad esempio, Confederazione e cantoni, per affrontare il problema stanno elaborando un piano d’azione sostenuto da statistica e ricerca che sarà disponibile a partire dalla primavera del 2016. Gli aspetti centrali della strategia che si intende adottare sono la prevenzione delle malattie psichiche e del suicidio all’interno degli ospedali, l’eliminazione dei mezzi per compiere l’atto e una serie di provvedimenti per limitare i casi di solitudine nei cittadini più “a rischio” come anziani e poveri.

I dieci paesi più colpiti dal fenomeno del suicidio sono il Guyana, la Corea del Sud, lo Sri Lanka, la Lituania, il Suriname, il Mozambico, il Nepal, la Tanzania, il Burundi e l’India. E da questi dati emergono altri dettagli importanti: secondo quanto scritto sul rapporto, infatti, il circa 75% dei suicidi totali avviene in zone a basso e medio reddito, e i mezzi più frequenti sono avvelenamento, impiccagione e armi da fuoco. A suicidarsi più degli altri sono la fascia “over 70” mentre in alcuni paesi le incidenze più alte si registrano tra i giovani.

L’Oms avverte che globalmente il suicidio è la seconda causa di morte nella fascia di età che va dai 15 ai 29 anni e che a costituire il rischio più forte sono le malattie psichiche. Ed è possibile prevenire questa tendenza solo per mezzo dell’adozione di piani strategici a livello governativo. Il richiamo dell’Organizzazione mondiale della Sanità va dunque a tutti i governi del mondo: sono fondamentali piani nazionali coordinati come la diagnosi precoce della depressione, la sua prevenzione e la creazione di sportelli di aiuto per persone in un situazioni di crisi. Il monito arriva a pochi giorni dalla giornata mondiale per la prevenzione del suicidio: il 10 e l’11 settembre.

 
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La sede della Corte suprema polacca
GIUSTIZIA

Polonia deferita davanti alla Corte Ue

Secondo la Commissione la riforma della Corte suprema viola l'indipendenza dei giudici
Il viadotto Marco Polo, in via di Varlungo a Firenze, teatro dell'aggressione
FIRENZE

Aggredita e violentata una studentessa

La violenza è avvenuta poco dopo mezzanotte in via di Varlungo
TERREMOTO

Crollo del campanile di Accumoli, al via il processo

La torre campanaria piombò sul tetto dell'edificio adiacente uccidendo la famiglia Tuccio
Brexit
BREXIT

May al bivio, c'è lo spettro del voto bis

Ore calde per la premier dopo il flop di Salisburgo, Corbyn non chiude al nuovo referendum ma spinge per le elezioni anticipate
VACCINI

Nas scoprono false certificazioni: sette denunce

Il reato ipotizzato nei loro confronti è di falso ideologico
UGANDA

Le missioni aiutano mamme e neonati in ospedale

Al “St Luke Health Centre" acquistati un'ambulanza, incubatrici e macchinari per le ecografie
BOLOGNA

Frode fiscale internazionale: 16 indagati

Sequestrati beni mobili e immobili per quasi 25 milioni di euro
I soccorsi davanti l'archivio di Stato ad Arezzo il giorno della tragedia
TRAGEDIA NELL'ARCHIVIO DI STATO

Dipendenti morti ad Arezzo: 5 indagati

Disposta l'autopsia sui corpi dei due dipendenti deceduti a causa dell'intossicazione da argon
TUNISIA

Alluvioni a Cap Bon: almeno 6 morti

Le piogge torrenziali in Tunisia sono state provocate dal ciclone che si è formato nel Mar Tirreno e che nei giorni scorsi...
Arresti nella cosca Alvaro
REGGIO CALABRIA

‘Ndrangheta: smantellata la cosca Alvaro

Tra i 18 fermi anche il sondaco di Delianuova Francesco Rossi
Aleksei Navalny
RUSSIA

E' durata poco la libertà di Navalny

Oppositore scarcerato e poi arrestato. Ha partecipato a proteste non autorizzate
Il Papa durante l'incontro con le autorità lettoni - Foto © Vatican Media
VIAGGIO NEI PAESI BALTICI

Il Papa a Riga: "La libertà è costruita sulle radici"

Il Santo Padre incontra le autorità lettoni: "La maternità della Lettonia focalizza strategie per le...