MERCOLEDÌ 01 LUGLIO 2015, 16:30, IN TERRIS

UN BAMBINO CHE STUDIA SOTTO IL LAMPIONE: LA FOTO DIVENTA IL SIMBOLO DELLA LOTTA PER UN SOGNO

L'immagine postata su una bacheca di Facebook ha fatto in poche ore il giro del mondo

AUTORE OSPITE
UN BAMBINO CHE STUDIA SOTTO IL LAMPIONE: LA FOTO DIVENTA IL SIMBOLO DELLA LOTTA PER UN SOGNO
UN BAMBINO CHE STUDIA SOTTO IL LAMPIONE: LA FOTO DIVENTA IL SIMBOLO DELLA LOTTA PER UN SOGNO
L’immagine forte, simbolica, sta facendo il giro del mondo in poche ore. La sua potenza è proprio la sua semplicità, che riesce a raccontare una intera storia, a fare una denuncia della situazione di milioni di bambini al mondo. Nella foto si vede un bambino filippino che, in ginocchio su un marciapiedi davanti a uno sgabello, fa diligentemente i suoi compiti di scuola alla luce di un lampione. All’inizio può sembrare una cosa curiosa, un capriccio di un bambino, ma non se si pensa che è dovuto scendere in strada con il suo quaderno perché nella sua abitazione non c’è la luce elettrica.

A scattare la foto, diventata simbolo della lotta per la realizzazione dei propri sogni a dispetto di ogni difficoltà, è stata una ragazza filippina, Joyce Gilos Torrefranca, che l’ha pubblicata sul proprio profilo facebook, accompagnandola con una semplice frase: “Sono stata ispirata da un bambino”. Immediatamente l’immagine ha iniziato ad essere condivisa di bacheca in bacheca, collezionando quasi tremila share sul social network.

Secondo i media locali, il bambino si chiama Daniel e accompagna spesso sua madre che chiede l’elemosina all’esterno di un McDonald’s. “Non pensavo che una semplice foto potesse fare la differenza”, ha scritto più tardi Joyce sulla sua bacheca di Facebook. “Grazie a tutti quelli che l’hanno condivisa, aiutando Daniel a realizzare i suoi sogni”.

 

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dia
CAMORRA

Arrestate quattro donne nel napoletano

L'indizio nei loro confronti è di delitto di ricettazione aggravata
Donna abusata

Stupri: chi non condanna è complice

Un nuovo efferato stupro ai danni di una donna italiana. Legata con filo telefonico, è stata violentata ad Asti...
Rex Tillerson
CRISI COREANA

Tillerson apre a Pyongyang

Il segretario di Stato: "Disponibili a colloqui ma serve un periodo di tranquillità"
IMPRESA SFIORATA

Pordenone eroico: all'Inter servono i rigori

Nerazzurri bloccati sullo 0-0 ma ai quarti dopo i penalty. Gli ospiti di Serie C colpiscono anche un palo
Masiello esulta dopo il gol-vittoria
CALCIO | SERIE A

Genoa, Marassi stregato: l'Atalanta passa 1-2

Ilicic e Masiello ribaltano Bertolacci. Altro k.o. interno per il Grifone, il primo per Ballardini.
Corte costituzionale
LEGGE ELETTORALE

Rosatellum, la Corte costituzionale boccia i ricorsi

Palazzo della Consulta giudica "inammissibili i conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato
Ryanair
LA MOBILITAZIONE

Ryanair, altolà ai dipendenti: "Sanzioni se scioperate"

Lettera del capo del personale ai piloti italiani: "Attenetevi ai turni previsti"
Akayed Ullah
ATTACCO A NEW YORK

Ullah incriminato per terrorismo

L'uomo navigava spesso su siti jihadisti. Prima di colpire aveva scritto: "Trump hai fallito"