Twitter contesta Apple: con Safari ci penalizza

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:15

Twitter si fa sentire non solo con i propri cinguettii: adesso alza la voce contro Apple. Incolpa infatti l’azienda di Cupertino per l’apatica crescita dei suoi utenti nell’ultimo trimestre del 2014. Infatti sarebbero 4 milioni di utenti in meno a fine dicembre è da attribuirsi, secondo i vertici del sito Microblogging, ad una falla inaspettata nell’aggiornamento di Ios8, che ha creato problemi nell’accedere a Twitter dal browser di Apple, Safari.

I legali della società stanno anche valutando la possibilità di un’azione giudiziaria per ottenere il risarcimento del danno economico. Infatti, anche se Twitter batte le attese degli analisti sul fronte delle entrate e degli utili, delude ancora Wall Street per il numero degli utenti. Gettando ombre sul suo futuro, dopo l’euforia che accompagnò il suo sbarco alla Borsa di New York. Nel quarto trimestre 2014 il gruppo guidato da Dick Costolo ha fatto registrare entrate per 479 milioni di dollari. Il dato non è male, anche perchè le previsioni parlavano di 453 milioni. Nonostante questi risultati, il social media dei 140 caratteri ha chiuso un anno travagliato, in cui le azioni del gruppo hanno perso il 37% del loro valore. Questo soprattutto per un calo degli utenti, una tendenza che oramai dura da mesi.

L’obiettivo dell’amministratore delegato, dunque, è dimostrare che Twitter non ha imboccato la strada del declino, come sostengono i detrattori del social media. Così sono in campo tutta una serie di iniziative per innovare e rinnovare il prodotto. In primis l’accordo con Google, grazie alla quale i tweet potranno essere visualizzati dal motore di ricerca non appena pubblicati. Dunque, una sorta di ‘diretta’ che dovrebbe portare al risultato di aumentare il traffico sul sito di microblogging.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.