GIOVEDÌ 21 MAGGIO 2015, 000:15, IN TERRIS

TROPPI TAGLI POCHE RISORSE, LA SANITA’ RISCHIA DI MORIRE

AUTORE OSPITE
TROPPI TAGLI POCHE RISORSE, LA SANITA’ RISCHIA DI MORIRE
TROPPI TAGLI POCHE RISORSE, LA SANITA’ RISCHIA DI MORIRE
Secondo l'ultima classifica dell'Euro Health Consumer Index (Echi), presentata lo scorso 27 gennaio a Bruxelles, la situazione sanitaria italiana non è delle più rosee. Se le classifiche ufficiali di spesa e performance cliniche ci vedono sostanzialmente in media con quello che sono gli standard europei, i dati statistici ufficiali a livello di soddisfazione dei cittadini fanno sì che il Bel Paese si collochi al 21esimo posto, con 648 punti su mille. Una discesa di un posto in un anno, infatti nel 2013 eravamo al 20esimo posto, mentre nel 2008 al 16esimo.

L'indice con cui viene stilata la graduatoria viene redatto combinando i risultati di statistiche pubbliche, sondaggi tra i pazienti e ricerche indipendenti condotte dal Health Consumer Powerhouse, una società privata svedese specializzata nella misurazione delle performance della sanità in Europa e in Canada.
Secondo i dati forniti dal Ministero della Salute, nel 2011 in Italia la spesa sanitaria rappresentava il 9,2% del Pil, una percentuale inferiore rispetto alla media dei Paesi dell’Ocse, ma decisamente più bassa rispetto a quella di altre nazioni dell’Unione Europea, come i Paesi Bassi (11,9%), la Francia (11,6%) e la Germania (11,3%).

Durante la presentazione del libro “La tempesta perfetta”, di Walter Ricciardi, Commissario straordinario Istituto Superiore della Sanità, Vincenzo Atella, Direttore Ceis Università di Roma Tor Vergata, Claudio Cricelli, Presidente Simg, e Federico Serra, Vice Presidente Public Affairs Association, il sistema sanitario nazionale è stato paragonato ad una nave che si sta dirigendo – appunto – verso la tempesta perfetta, ossia verso l’inevitabile naufragio.

“Innanzitutto è necessario evitare che il sistema sanitario nazionale sia l’espressione, a volte schizofrenica, delle volontà di 21 regioni e Province autonome che, in nome della riforma federalista, interpretano il dettato costituzionale come possibilità di operare senza vincoli, salvo poi trovare un salvatore di ultima istanza nello Stato. – spiega il professor Ricciardi, autore del libro – questo non significa voler tornare indietro al dirigismo centralista precedente agli anni 2000. Deve però essere rivalutato il ruolo di cooperazione e di scambio di esperienze tra regioni e tra Centro e Regioni che in questi anni è venuto a mancare per vari motivi”.

Le strutture spesso obsolete, i continui tagli alla sanità, la mancanza di investimenti in apparecchiature moderne e lo scarso investimento su nuovi professionisti fa sì che molte Aziende sanitarie siano impossibilitate a mantenere un’adeguata erogazione dei Livelli essenziali di Assistenza.

“La realtà che abbiamo vissuto negli ultimi anni – conclude il prof. Ricciardi – è quella di una frammentazione esasperata, di una conflittualità latente dell’aumento esponenziale delle differenze nella qualità dei servizi, non solo tra regioni, ma anche all’interno della stessa regione. È possibile fare bene anche con le risorse attualmente a disposizione, purché vengano utilizzate correttamente, ad esempio riducendo gli sprechi e riallocando le risorse, facendo attenzione all’andamento degli indicatori di processo e risultato, premiando le buone pratiche e incentivando trasparenza e merito”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud