LUNEDÌ 05 SETTEMBRE 2016, 000:05, IN TERRIS

TROPPI INCIDENTI CON LE NAVI, LE BALENE FRANCHE RISCHIANO L'ESTINZIONE

EDITH DRISCOLL
TROPPI INCIDENTI CON LE NAVI, LE BALENE FRANCHE RISCHIANO L'ESTINZIONE
TROPPI INCIDENTI CON LE NAVI, LE BALENE FRANCHE RISCHIANO L'ESTINZIONE
Dal nord Atlantico arriva un nuovo sos: le grandi balene franche rischiano l'estinzione, minacciate dall'aumento di incidenti con le navi e da un drastico calo delle nascite, -40% dal 2010. Sei anni fa ne restavano circa 500 esemplari, dopo due decenni di crescita annua modesta. "Occorre un intervento immediato e significativo per ridurre la mortalità e le lesioni provocate da attrezzi da pesca" dicono gli autori di uno studio pubblicato su "Frontiers in Marine Science". Il killer numero uno sembrano essere reti e cime delle navi, avvertono Scott D.Kraus dell'Anderson Cabot Center for Ocean Life al New England Aquarium con cui hanno lavorato ricercatori di University of Rhode Island, Provincetown Center for Coastal Studies, University of North Carolina, Woods Hole Oceanographic Institution, and Duke University.

Casi di balene rimaste aggrovigliate sono aumentati all'85% tra il 2010 e il 2015, rispetto al 15% degli scontri con le navi. Secondo i dati al 2015 del National Marine Fisheries Service, dal 2009 al 2013 sono morte in media 4,3 balene ogni anno a causa di incidenti per cime e attrezzi da pesca. Tra il 1970 e il 2009, il 44% delle balene era morto per collisioni e il 35% colpa di reti o funi. Sulla riduzione del tasso di natalità i ricercatori hanno due sospetti: oltre la mortalità per scontri con le navi, episodi di incidenti non letali stanno avendo effetti a lungo termine sulla salute fisica e riproduttiva delle balene; il secondo sospetto è che hanno più difficoltà a nutrirsi perchè le prede si sono spostate a causa di cambiamenti climatici e ambientali.

Per ridurre i casi di incidenti con reti e funi, gli scienziati dell'Acquario Amy Knowlton e Tim Werner stanno conducendo ricerche - con una sovvenzione statale 180.000 dollari - su un tipo di cime che si rompono più facilmente quando le balene vi si aggrovigliano. Dal 1935, quando la specie era vicina all'estinzione e pescarle divenne illegale, la popolazione di balena franca è cresciuta sino a 292 esemplari nel 1992. Numero aumentato del 2,8% all'anno a circa 500 nel 2010. Ora la crescita è del 2-3% all'anno rispetto al 6-7% in altre aree.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea La Rosa
MILANO

Trovato morto l'ex calciatore La Rosa

Il 35enne era scomparso lo scorso 16 novembre: il suo corpo è stato rinvenuto nel bagliaio di un'auto
Spiaggia sul Tevere
IL PROGETTO

Tevere, una spiaggia a Ponte Marconi

La sindaca Raggi lo annuncia in Campidoglio: "Lido entro l'estate 2018"
Maria Elena Boschi
BANCA ETRURIA

Boschi: "Mai mentito al Parlamento"

Presidente della Consob: "Parlai della questione con lei"
Le
F1

Niente più "ombrelline" sulla griglia di partenza

Chase Carey: "Una giusta decisione per il futuro dello sport è necessaria"
Il premier italiano, Paolo Gentiloni
MIGRANTI

Gentiloni: "Le quote obbligatorie sono il minimo sindacale”

Il Premier al termine del V4: "Serve più impegno da parte della Ue"
Vladimir Putin
RUSSIA

Putin, un fiume in piena

Elezioni, economia e politica estera i temi affrontati in oltre 3 ore di conferenza stampa
Il vicepresidente Usa, Mike Pence
GERUSALEMME CAPITALE

Rinviata la visita di Pence

Viaggio spostato "di qualche giorno". Sulla decisione pesano anche le tensioni con la Palestina
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori