MERCOLEDÌ 22 LUGLIO 2015, 000:05, IN TERRIS

TRAFFICO DI ORGANI MAI NATI

ANGELO PERFETTI
TRAFFICO DI ORGANI MAI NATI
TRAFFICO DI ORGANI MAI NATI
Uccidere una vita è di per sé abominevole, farlo quando la vittima non si può difendere è aberrante, vendere i pezzi del corpo è perverso. Eppure accade, in un mondo che sta scivolando sempre più verso l’indifferenza, dove tutto è lecito purché non faccia male ad altri, intendendo però con questa locuzione qualcuno al quale venga data pari dignità. Non certo gli ultimi, i più disgraziati, coloro che non hanno voce per difendersi. E chi, tra questi, ha meno voce di chi non è ancora nato? Coloro che alimentano la deriva abortista, per cui la convenienza personale viene prima del diritto alla vita dei propri figli, spesso non si rendono conto di quali meccanismi s'inneschino.

Ciò che avviene al di là dell’Oceano ne è un esempio preoccupante, inquietante. Un’associazione americana nata con lo scopo di difendere i diritti delle donne (e per questo in prima linea sul tema dell’aborto) e al centro di uno scandalo per la presunta vendita di organi fetali e parti del copro di esseri umani abortiti.

La rivelazione choc viene da un video girato di nascosto da un investigatore che si finge interessato all’acquisto. Protagonista è la dottoressa Deborah Nucatola, direttrice dei Servizi sanitari dell’associazione Planned Parenthood, che “intercettata” a tavola, tra un bicchiere di vino e un’insalata, dichiara di essere disposta a vendere organi fetali. Oltre a quello del ristorante, la dottoressa sciorina un altro menù agghiacciante: fegato, testa, polmoni, cuore, intestino. Tutto a disposizione, ogni cosa ha un prezzo.

Ma è lecito tutto ciò? La risposta è no, o almeno non ancora. Finché l’essere umano avrà una propria dignità, anche la legge lo tutela. Il Dipartimento di Giustizia statunitense prevede pene severe per questo tipo di commercio. Ma il punto non è solo legale – azione che peraltro ancora non ha portato i frutti auspicati – ma culturale. La difesa della vita umana, in ogni sua forma, sta perdendo sempre più forza. C’è l’aborto, la pillola del giorno prima, quella del giorno dopo, quella di cinque giorni dopo… Tutto a tutela del proprio diritto alla maternità; ma del diritto del bambini a nascere nessuno ne parla. Uno schiaffo alla vita.

In questi giorni una petizione per “costringere” i tribunali americani ad affrontare la questione è stata lanciata da citizenGO, il quale sta raccogliendo le firme per impedire questo orribile mercimonio.
Il passaggio da una commissione per un aborto ad un aborto su commissione è troppo labile per non percepirne la pericolosità. E già oggi si parla di interruzioni di gravidanza “su misura”, di operazioni chirurgiche cioè fatte in maniera tale da non rischiare di “rovinare” la parte che interessa al compratore, o anche di feti parzialmente nati, con l’intento evidente di alzare il prezzo per organi completamente formati.

Ufficialmente si parla di tessuti donati dalle pazienti, ma il rischio che dietro si alimenti il commercio è altissimo. Quando la persona diventa merce di scambio viene uccisa la sua umanità, che sia per una nascita o per un trasferimento da un Paese in guerra in una zona di pace, dalla vendita del corpo per soddisfare istinti primitivi allo sfruttamento nei campi.

La Planned Parenthhod (letteralmente, “genitorialità pianificata”) è il nome collettivo delle organizzazioni nazionali non governative affiliate alla International Planned Parenthood Federation, fondata negli Stati Uniti, che fa azione di lobby in favore della legislazione abortista. Fa impressione sapere che chi propugna questo tipo di realtà sia ufficialmente impegnato in difesa della salute e dei diritti della donna. Ma questo purtroppo è il mondo che stiamo disegnando per i nostri figli… sempre che riescano a venire al mondo.

 
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La missione Apollo 11
NASA

Sono online i dialoghi delle missioni Apollo

Le storiche frasi degli astronauti si possono riascoltare grazie ad un software ideato dai ricercatori texani
Esplosione in un impianto di stoccaggio di gas in Austria
AUSTRIA

Esplosione in un impianto di gas: 1 morto

Almeno 60 persone sono rimaste ferite
Medico in corsia (repertorio)
SCIOPERO DEI MEDICI

A rischio 40 mila interventi chirurgici

Incrociano le braccia in 134 mila. Lorenzin: "Sono al loro fianco"
Telefono in auto

Il rischio del telefono

Le norme draconiane annunciate per combattere l'uso del cellulare in auto, non si faranno perché la...
prostitute
PROSTITUZIONE

Cisl Campania contro la tratta

Una conferenza a Napoli per promuovere strumenti di contrasto al fenomeno
L'esultanza dei Granata
CALCIO | SERIE A

Lazio, Immobile-rosso: il Toro espugna l'Olimpico

I granata vincono 3-1 a Roma ma è furia biancoceleste per l'espulsione dell'attaccante
VAPRIO D'ADDA

Uccise ladro in casa: archiviata l'accusa di omicidio

Riconosciuta la legittima difesa a Francesco Sicignano: colpì a morte un giovane albanese nel 2015
Luigi Di Maio
FESTIVITÀ

Negozi chiusi a Natale,
Di Maio: "Famiglie più felici"

Il candidato premier torna sulla proposta di legge di Dell'Orco: "Tutti hanno diritto al riposo"