VENERDÌ 22 MAGGIO 2015, 12:30, IN TERRIS

TORINO: APRIRA' UP, CAFFE' LETTERARIO CHE USA SOLO PRODOTTI DELLE COOPERATIVE SOCIALI

L'idea nasce dalla mente di Umberto Palermo, giovane imprenditore e nome promettente del design

AUTORE OSPITE
TORINO: APRIRA' UP, CAFFE' LETTERARIO CHE USA SOLO PRODOTTI DELLE COOPERATIVE SOCIALI
TORINO: APRIRA' UP, CAFFE' LETTERARIO CHE USA SOLO PRODOTTI DELLE COOPERATIVE SOCIALI
Una storia di recupero urbano, ma non solo. Sei mesi fa, il posto era ancora un rudere nella periferia industriale di Moncalieri, a Torino. Poi, su quel fabbricato ha messo gli occhi Umberto Palermo, giovane imprenditore e nome promettente nel design. In quell’edificio Palermo aveva in mente di realizzare “un social network che fosse tangibile, un luogo – spiega – incui si tornasse finalmente a guardarsi in volto, anziché attraverso lo schermo di un cellulare”. Ora l’ex rudere ha un nome e una ragione sociale: il 10 luglio aprirà i battenti con la denominazione di Caffè Letterario Up, dove Up sta per “Up-design”, l’azienda che ha fondato nel 2007, e Caffè Letterario rappresenta “la volontà di rifarsi ai caffè parigini come a quelli torinesi degli anni 30 – spiega il giovane imprenditore – in cui nascevano le avanguardie artistiche e culturali”.

La particolarità sarà nel fatto che il locale si appoggerà su una filiera logistica e produttiva composta esclusivamente da cooperative sociali. Ogni servizio, dalla manutenzione ai prodotti agroalimentari, sarà fornito dalle imprese sociali di Federsolidarietà, la federazione delle coop sociali di Confcooperative: e dunque, i dolci e la pasticceria saranno a cura diFonderie Ozanam, che impiega utenti psichiatrici e disoccupati di lungo corso e che al Caffè fornira anche un aiuto cuoco; le birre arriveranno da una filiera di birrifici sociali, come l’Alkibia de L’Aquila e l’Aurora di Trezzano sul Naviglio (Milano).

E ancora, tutto l’agroalimentare verrà fornito da una serie di eccellenze dell’agricoltura sociale: una su tutte, la materana Panecotto, che impiega parte dei proventi della vendita di miele, pasta, salumi e vini per erogare gratuitamente prestazioni di welfare (come ad esempio assistenza domiciliare) alle fasce più fragili della cittadinanza lucana. Sono quaranta, in tutto, le imprese sociali raggruppate da Federsolidarietà per lavorare al progetto di Umberto Palermo: per dirla con le parole di Vincenzo De Bernardo, coordinatore della federazione, “al Caffè Up le imprese sociali faranno sia front che back office: i nostri prodotti verranno esposti e venduti, oltre ad essere utilizzati in cucina”. Così come quote di lavoratori svantaggiati “verranno assunti anche all’interno del Caffè – promette Palermo – oltre a fornirci le materie prime dalle rispettive imprese”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Esempi di colture in una 'serra marziana' (fonte: Enea)
HORTEXTREME

Il primo "orto marziano" è Made in Italy

Ben 4 le prime verdure consegnate al Forum spaziale austriaco
 Rebecca Dykes, la vittima
LIBANO

Giallo sulla morte di una diplomatica britannica

Il cadavere della donna è stato rinvenuto lungo un'autostrada. E' stata strangolata
Igor il
SPAGNA

La confessione di Igor il "russo"

Ammessi i fatti contestati: usate 18 identità. Il killer ha accettato l'estradizione in Italia
Il luogo dell'esplosione
MOLOTOV CONTRO LA POLIZIA

S'indaga anche negli ambienti ultras

Il commissariato Prati gestisce il servizio d'ordine durante le partite all'Olimpico
Mattarella e il Papa
BUON COMPLEANNO FRANCESCO

Mattarella: "Auguri da tutti gli italiani"

Il Capo dello Stato: "Ha posto l'attenzione su persona e famiglia". Lo Judice: "Esempio per i giovani"
La locandina del film
STAR WARS

Il lato Chiaro e quello Oscuro de "Gli Ultimi Jedi"

Scelte coraggiose e azzardi, poesia ed errori pericolosi. Cosa pensiamo di Episodio VIII (SPOILER)