SABATO 22 AGOSTO 2015, 004:15, IN TERRIS

TEATRO IN CARCERE : LABORATORIO SULLA MANCANZA DI LAVORO NEI PENITENZIARI

I volontari di Giolli Coop collaborano con i detenuti per realizzare uno spettacolo utilizzando il metodo teatrale dell'oppresso

REDAZIONE
TEATRO IN CARCERE : LABORATORIO SULLA MANCANZA DI LAVORO NEI PENITENZIARI
TEATRO IN CARCERE : LABORATORIO SULLA MANCANZA DI LAVORO NEI PENITENZIARI
Parte lo scorso Giugno dal carcere di Reggio Emilia un laboratorio teatrale con il metodo del teatro dell’oppresso. Tenuto da Roberto Mazzini della cooperativa sociale Giolli di Parma, che dal 1995 lavora con i detenuti, con l’aiuto di alcuni volontari. Tema del laboratorio è il lavoro nelle carceri, che dovrebbe essere consentito a tutti per legge, ma non sempre è così.

Mazzini spiega :“Usiamo il teatro dell’oppresso, metodo che utilizza il teatro per analizzare situazioni problematiche e che trasforma lo spettatore in spett-attore che interviene sulla scena per trovare una risposta alla domanda posta dai detenuti, per cercare una soluzione al problema”.  Questo forma teatrale, creata dal regista brasiliano Augusto Boal, ha l'obiettivo di fornire strumenti di cambiamento personale, sociale e politico per tutti coloro si trovino in situazioni di oppressione.

L’obiettivo anche è quello di far comunicare il “dentro” e il “fuori”, per cercare di far superare la visione stereotipata del carcere e dei suoi residenti. “Vogliamo invitare esperti di lavoro, della CNA, dei sindacati per capire, insieme a loro, come mai non c’è lavoro all'interno del carcere” continua Mazzini.

Al laboratorio partecipano sedici detenuti maschi, italiani e stranieri, giovani e meno giovani, con condanne diverse tra di loro ma tutte di lunga durata, ed è  già stato portato in scena sette volte fuori dal carcere dall'inizio del programma, con spettatori diversi a seconda del tema trattato. Spiega Mazzini: “Abbiamo fatto incontri umani significativi. Alcuni degli spettatori erano molto scettici, avevano un’immagine stereotipata dei detenuti, ma poi si sono ricreduti”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau
Paolo Gentiloni e Maria Elena Boschi in una foto d'archivio
BRUXELLES

Gentiloni difende il ministro Boschi

Il premier: "Ha chiarito, sarà candidata Pd"
Rahul Gandhi
INDIA

Rahul Gandhi è il leader del Partito del Congresso

Nipote di Indira, succede alla madre, l'italo-indiana Sonia
Il Muro del Pianto
GERUSALEMME

La Casa Bianca: "Il Muro del Pianto è parte di Israele"

Fonti dell'amministrazione: "Impensabile uno scenario diverso". Scontri e morti nella regione