TAIWAN IN ALLERTA PER L’ARRIVO DEL TIFONE “SOUDELOR”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Scuole chiuse e voli cancellati a Taiwan per l’arrivo del tifone Soudelor, il più violento degli ultimi due anni. Inizialmente classificato con livello 3, nelle prossime ore potrebbe raggiungere anche il livello 4. Il picco è previsto per domani. Le autorità hanno già predisposto la chiusura delle linee metropolitane e ferroviarie. Con venti che superano i 180 km/h, il tifone, che ha già provocato le prime due vittime, toccherà anche la costa cinese. Nella provincia di Fujian è già cominciata l’evacuazione di migliaia di persone.

E’ il tredicesimo sistema di perturbazione che solca le acque dell’oceano Pacifico, ed è il quinto super tifone della stagione. Anche se ha perso potenza, continua a dirigersi verso il continente asiatico ad una velocità di 20 km/h, con raffiche di vento molto forti. Muovendosi sulle calde acque del Pacifico tropicale, e non trovando resistenza da parte di venti opposti, nelle prossime ore si intensificherà fino a raggiungere il livello 4. E proprio come tifone di livello 4 toccherà l’estrema costa meridionale del Giappone, a Ryukyu Island, portando piogge torrenziali e venti fortissimi.

Sta notte, Soudelor farà il suo landfall su Taiwan: gli ultimi modelli vedono l’occhio del tifone transitare proprio al centro dell’isola. Un impatto diretto sulla capitale Taipei, nella parte settentrionale dell’isola, non è esclusa. Quando la tempesta avrà terminato di scagliare nubifragi e venti fortissimi su Taiwan, si dirigerà verso le provincie cinesi di Fujian, Zhejian e Guangdong, dove è atteso un secondo landfall. Dopo il passaggio su Taiwan il tifone, per poche ore, perderà intensità, raggiungendo il livello 1, ma non per questo sarà meno pericoloso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.