Sulla Bbc arriva “Yellow Peppers”, la serie tv sull’autismo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:28

Si chiama “Yellow Peppers”, la serie televisiva che all’inizio del 2016 verrà trasmessa dalla Bbc, riadattata con il titolo “The ‘A’ Ward”. La nota emittente inglese ha acquistato i diritti di “Yellow Peppers” di Keren Margalit per realizzarne una versione britannica. La serie, già trasmessa sul canale ebraico Keshet, verrà prodotta per la Bbc1 in sei episodi dalla Fifty Fathoms Productions e Tiger Aspect nell’estate del 2015, in collaborazione con Keshet UK.

“Yellow Peppers” è stata presentata alla giornata di sensibilizzazione mondiale dell’autismo presso le Nazioni Unite e ha già vinto otto premi attestandosi come prima trasmissione israeliana nel dicembre del 2010. Racconta la vita di una famiglia contadina con un figlio autistico che vive in un villaggio rurale privo di eventuali risorse terapeutiche. La famiglia gestisce un commercio di peperoni gialli in una comunità agricola cooperativa isolata nel deserto di Arava. Nel 2014 è stata trasmessa la seconda stagione della serie, diventando il secondo programma più visto dell’anno in Israele. “Yellow Peppers è il risultato di tanta verità, passione e impegno da parte di tutti i partecipanti”, ha affermato Margalit.

Commentando poi l’acquisizione da parte della Bbc, la creatrice della serie ha aggiunto: “È stata un’esperienza emozionante, ma abbiamo avuto anche un po’ di paura a mandare il “bambino con un paio di auricolari” dalla Arava ai laghi nel Lake District. È confortante sapere che uno dei migliori collegi del mondo lo attende lì. Bowker ama la serie e cercherà di rispettare la versione originale nel corso della riscrittura. Secondo lo sceneggiatore questo progetto offre infatti l’opportunità di “sviluppare qualcosa di divertente, duro e realistico sulla vita di una famiglia che ha a che fare con l’autismo in una società in cui ogni imperfezione viene vissuta con il senso di colpa”. È un dramma pieno di idee sulla genitorialità, la disabilità, la comunicazione e la comunità.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.