GIOVEDÌ 02 LUGLIO 2015, 000:10, IN TERRIS

Strangolati dalle tasse

AUTORE OSPITE
Strangolati dalle tasse
Strangolati dalle tasse
"La pressione fiscale in Italia ha raggiunto livelli intollerabili". Il monito viene da Enrica Laterza, presidente delle sezioni Riunite della Corte dei conti, che ha ricordato come nel 2014 il peso delle tasse è stato pari al 43,5% del pil. È il risultato dell'emergenza da spread che ha prodotto un bombardamento di imposte, ben 700 misure tributarie tra il 2008 e il 2014, e nulla o quasi in materia di riduzione della spesa corrente.

Troppe tasse che si traducono in minor ricchezza collettiva e, fatto ancora più preoccupante, nella fuga del capitale umano con conoscenze specialistiche. Il caso della regione Lazio è emblematico. Come ricordato dalla stessa Corte dei conti l'aggiustamento del disavanzo sanitario è stato perseguito esclusivamente con la maggiorazione delle addizionali Irpef e Irap. Nel 2014 le maggiori tasse incassate a titolo di addizionali hanno raggiunto gli 890 milioni, ma ciò non ha impedito alla giunta guidata da Nicola Zingaretti di aumentare ulteriormente l'addizionale Irpef nel 2015 per portarla al valore intollerabile, direbbe la Corte dei conti, del 3,33%.

Quali sono gli effetti di questa pressione fiscale anti modernità? Quelli riportati nell'ultimo rapporto della Banca d'Italia dello scorso 16 giugno: la fuga dei più giovani e del capitale umano con la scolarità più elevata; la perdita di investimenti internazionali; un crollo nel pil pro capite regionale. Nel 2014 il valore aggiunto industriale del Lazio è sceso ancora dell'1,4%. Il biennio precedente era stato orribile per il pil pro capite crollato, rispettivamente, del 2,6 e del 3,3%. Le tasse senza freni hanno ammazzato le aspettative degli operatori economici e fatto scappare gli investimenti. Il Lazio, infatti, insieme alla Lombardia è la regione italiana maggiormente integrata con i flussi finanziari internazionali.

C'è una piccola differenza, però. La Lombardia attrae più investimenti diretti esteri di quanti non ne facciano all'estero le imprese lombarde, mentre nel Lazio la situazione è ribaltata: 88 miliardi impiegati contro 35 ricevuti. L'Irap più alta d'Italia, evidentemente, tiene lontani gli investitori internazionali. E le tasse insostenibili fanno scappare anche la conoscenza specialistica.

Nel triennio 2011-13 i giovani tra i 25 ed i 34 anni e quelli laureati hanno levato le tende dal Lazio tartassato: 13,7 e 9,3 ogni mille abitanti. Insomma la politica fiscale del Lazio ha creato un contesto economico terrificante: meno ricchezza, meno investimenti internazionali e meno laureati rimpiazzati da extracomunitari. Quando Zingaretti annuncia mirabolanti programmi pro start-up, qualcuno dovrebbe ricordargli gli effetti della sua fiscalità intollerabile. Altrimenti si fa solo comunicazione sganciata da ogni realtà.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
VITERBO

Anziani coniugi trovati morti in casa

La coppia era stata avvolta nel cellophane. Ricercato il figlio che viveva con loro
COPPA ITALIA

Fiorentina e Milan, tris per i quarti

Stese Samp e Verona (3-2 e 3-0): derby al prossimo turno per Gattuso. Forte contestazione a Donnarumma
Giuseppe Sala
EXPO 2015

Sala accusato di concorso in abuso d'ufficio

Al sindaco di Milano è stato contestato il reato in relazione al capitolo "verde" dell'appalto per la...
Silvio Berlusconi
RISCHIO STRAPPO

Berlusconi: "Salvini? Fa i capricci"

Il leader del Carroccio duro dopo il 'no' di Forza Italia alle legge sui reati gravissimi: "Stop agli...
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"