STATI UNITI, VIA LIBERA AL VIAGRA FEMMINILE, SI CHIAMERÀ “ADDYI”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:30

Semaforo verde negli Stati Uniti alla commercializzazione del “Viagra femminile”, la prima pillola per stimolare il desiderio sessuale delle donne. La Food and Drug Administration (Fda) americana ha dato il via libera finale alla “pillola rosa” – prodotta dalla casa farmaceutica Sprout Pharmaceuticals nella Carolina del Nord – che sarà commercializzata con il nome di Addyi. Si tratta di un medicinale chiamato filibanserina: si potrà avere solo dietro prescrizione medica, va ingerito prima di andare a letto e agisce a livello cerebrale sui neurotrasmettitori legati all’eccitazione, alzando i livelli di dopamina e serotonina.

Secondo gli attivisti che hanno fatto pressione per ottenerne il via libera, questo medicinale migliorerà la vita sessuale dell’altra metà del cielo. Secondo Sally Greenberg, direttore esecutivo di National Consumers League, si tratta del “Più grande cambiamento per la salute sessuale delle donne dalla scoperta della pillola contraccettiva”. Sulla Pillola rosa non sono mancate le critiche. La Fda l’aveva già bloccata in precedenza per ben due volte perché il prodotto potrebbe causare effetti collaterali come pressione bassa, svenimenti, nausea e sonnolenza. “L’agenzia – ha garantito Janet Woodcock della Fda annunciando il via libera – è impegnata nel sostenere lo sviluppo di trattamenti sicuri ed efficaci per le disfunzioni sessuali femminili”. La decisione finale dell’agenzia regolatoria non è stata una sorpresa, dal momento che un team di esperti lo scorso giugno ne aveva raccomandato l’approvazione prevedendo precauzioni per limitarne i rischi e i pericoli di abuso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.