SOS Villaggi dei Bambini lancia la campagna per gli orfani di guerra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:19

Non c’è alcuna differenza tra i bambini di tutto il mondo: “In ogni luogo, vicino o lontano, hanno tutti lo stesso volto, lo stesso sguardo. Perché l’abbandono è come una malattia”. Sono le parole di Marta Bove, la responsabile raccolta fondi SOS Villaggi dei Bambini, associazione che lancia la campagna tv “Mai più soli” per sostenere i minori rimasti orfani per colpa della guerra delle calamità naturali, dell’Ebola.
L’abbandono, secondo gli attivisti dell’organizzazione, “toglie il sonno, la parola, il sorriso, la voglia di giocare. Può uccidere la bellezza che i bambini sanno vedere e sostituirla con il buio più nero – continua Bove – ma nessun bambino deve perdere la fiducia e lasciare entrare la paura”.

SOS Villaggi del Bambini spiega che c’era bisogno di una voce che potesse trasmettere emozioni e guarire dall’indifferenza, e per questo motivo è stato scelto come testimonial della campagna Riccardo Onorato. L’attore e doppiatore di successo, che ha prestato la voce a Jude Law, Ewan McGregor, Matthew McConaughey e moltissimi altri, ha scelto di regalarla questa volta a SOS Villaggi dei Bambini: “Onorato non è solo un bravo professionista – spiega una nota dell’associazione – ma anche uomo sensibile e un papà: ecco perché ha permesso che uno spot diventasse un racconto fatto col cuore!”

La campagna ha l’obiettivo di sostenere i bambini che hanno perso famiglia per mezzo di un Sostegno Regolare, unico ed efficace metodo per dare un aiuto a lungo termine. Da 60 anni, SOS Villaggi Dei Bambini accoglie minori rimasti soli offrendo loro una casa, una famiglia, dei fratelli e una mamma SOS. “Amore, carezze, protezione e sostegno – conclude Marta Bove – sono le uniche risposte concrete all’abbandono”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.