SODALITAS SOCIAL AWARD 2015, LE ECCELLENZE ITALIANE DELLA SOSTENIBILITÀ DI IMPRESA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:30

Si è svolta ieri a Milano la XIII edizione del Sodalitas Social Award, che premia le migliori pratiche italiane di sostenibilità di impresa. Istituita nel 2003 la cerimonia ha offerto un enorme contributo in questi anni nel diffondere il messaggio di integrazione tra aziende e iniziative sociali e ambientali.

Nel 2015 l’iniziativa si è articolata in 6 categorie, progettate per valorizzare le realtà più in linea con gli obiettivi della crescita sostenibile, dando visibilità all’impegno e alle responsabilità dei partecipanti. Sono stati valutati in particolare l’innovazione digitale e produttiva, lo sviluppo e la valorizzazione delle persone, il rapporto con le comunità, e l’inclusione sociale.

Dal suo avvio nel 2003, al Sodalitas Social Award hanno partecipato 1.800 imprese con più di 2.100 progetti. Per valutarne l’impatto sociale e la capacità innovativa è stata istituita una giuria multistakeholder presieduta da Franco Anelli, Rettore dell’Università Cattolica di Milano, che ha giudicato i candidati in base ai criteri del modello Efqm (European Foundation for Quality Management).

Le sei organizzazioni vincitrici di quest’anno sono Bracco, Comune di Predaia, Coop Lombardia, Consorzio Melinda, Gruppo Filo diretto e Sky Italia. I loro progetti e quelli di tutti gli altri candidati sono raccolti nel Libro d’oro della Responsabilità sociale consultabile su Sodalitas Social Solution.

“L’insieme delle iniziative candidate all’Edizione 2015 del Sodalitas Social Award – ha spiegato il responsabile del premio per Fondazione Sodalitas, Diego Basso – contribuisce a far luce sull’impegno quotidiano di quelle imprese, istituzioni e organizzazioni che rappresentano la parte più propositiva e innovativa del Paese”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.