MERCOLEDÌ 01 APRILE 2015, 15:12, IN TERRIS

SIRIA, LA FOTO CHE HA COMMOSSO IL MONDO

L'istantanea è stata scattata da un giornalista turco, Omar Sagirli

MANUELA PETRINI
SIRIA, LA FOTO CHE HA COMMOSSO IL MONDO
SIRIA, LA FOTO CHE HA COMMOSSO IL MONDO
Le mani alzate al cielo, gli occhi sgranati e si morde le labbra. Così appare nella foto la piccola Hudea, una bambina siriana di quattro anni, nella foto che le ha scattato Osmar Sagirli, un foto-giornalista turco. La fotografia scattata a dicembre all'interno del campo profughi siriano Atmeh, è apparsa per la prima volta in rete nel mese di gennaio, ma solo recentemente e grazie ad un tweet è diventata virale in internet.

È stata twittata decine di migliaia (quasi 20mila volte) di volte e postata su Reddit e Facebook. Ma la sua vera storia è venuta fuori quando la Bbc ha intervista l'autore della foto, il quale ha raccontato che si trovava in Siria per un viaggio di lavoro e voleva scattare una foto alla piccola. L'obiettivo della sua macchina fotografica era di grandi dimensioni e anche un po' ingombrante e quando ha inquadrato Hudea lei si è spaventata.

In realtà la piccola ha pensato che si trattasse dell'ennesimo soldato che le puntava un'arma contro ed ha alzato le braccia in segno di resa. Alcuni già considerano la piccola il simbolo della crisi siriana che dura da oltre quattro anni. La paura e l'angoscia che trapelano dal suo volto testimoniano le condizioni in cui vivono i bambini, e non solo, della Siria.

Secondo l'Unicef sarebbero 5,6 milioni i bambini siriani che hanno urgente bisogno di assistenza sanitaria. Dati che trovano conferma nel rapporto "The cost of war" pubblicato il 31 marzo dall'ong Save The Children, secondo il quale sarebbero oltre tre milioni i minori che non hanno la possibilità di andare a scuola. In oltre quattro anni di guerra il tasso di iscrizioni nelle scuole è più che dimezzato, nell'area di Aleppo i bambini che frequentano la scuola sono appena il 6%. Un'altra delle cause è la mancanza di insegnanti, in parte morti in parte fuggiti a causa dei combattimenti. Per poter ristrutturare le strutture scolastiche che hanno subito danni o sono state distrutte, o provvedere alla formazione di nuovi insegnanti sarebbero necessari oltre 3,2 miliardi di dollari.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Pesante sentenza di condanna per un giovane marocchino
TORINO

Sei anni al jihadista "della porta accanto"

Marocchino condannato per terrorismo
Il procuratore Verzera
CATANIA

Anziane sorelle massacrate in casa

Uccise a coltellate. Si segue la pista della rapina
Miliziani dell'Isis
GENOVA

Istigazione al terrorismo, tunisino indagato

Sulla sua pagina Facebook foto e video inneggianti all'Isis
Senato
BIOTESTAMENTO

Si va verso l'approvazione della legge

Passano i primi articoli. Centro Studi Livatino: "Sigillo funesto a un Paese che sta scomparendo"
Un dipendente Ryanair
RYANAIR

Calenda: "Lettera indegna", il Garante: "Incostituzionale"

Il ministro: "Chi è sul mercato deve rispettare le regole". Furlan: "Compagnia arrogante"
Doug Jones durante un comizio (repertorio)
USA|VOTO IN ALABAMA

Vince Jones, schiaffo a Trump

Il candidato dem prevale su Moore. I repubblicani perdono una roccaforte del sud
Arte sacra, Calabria
ARTE SACRA

La Calabria della fede raccontata in un libro

Il volume raccoglie 173 santuari in altrettante schede con contenuti iconografici, bibliografici e archivistici
Il ciclista Chris Froome
CICLISMO

Chris Froome positivo al doping

Trovate tracce superiori al consentito di salbutamolo. Ad annunciarlo l'Uci