SIRIA: CONCLUSO IL PROGETTO “ACQUA PER ALEPPO”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00

Aleppo, la grande città siriana chiamata la “Capitale del Nord”, è di nuovo senz’acqua nonostante si preveda per questa settimana un’ondata di caldo che porterà le temperature fino a 45 gradi. Lo afferma un comunicato della Ong “Aiutiamo la Siria” che insieme ai Fratelli Maristi e al Centro Missionario Diocesano di Roma hanno avviato un progetto per la distribuzione dell’acqua nella città martire siriana. Conclusa a due settimane dal lancio, la raccolta di fondi del progetto straordinario “Acqua per Aleppo!”, afferma il comunicato stampa della Ong, ha superato il budget inizialmente previsto per la sua realizzazione permettendone il suo ampliamento.

Lo scopo dell’iniziativa era quello di rendere in grado alcune realtà di Aleppo di far fronte alle terribili crisi prodotte dall’interruzione dell’erogazione dell’acqua che prostra periodicamente gli abitanti della seconda città della Siria. I fondi raccolti (più di 11.000 €) sono stati utilizzati per dotare due istituzioni di attrezzature che permettano la distribuzione dell’acqua nel corso delle frequenti interruzioni del flusso idrico. In particolare, i Fratelli Maristi hanno potuto acquistare un furgone sul quale hanno montato un serbatoio e una pompa (già in loro possesso) per distribuire l’acqua nelle case di coloro che non riescono a procurarsela; in più hanno ricevuto un fondo per il carburante.

La Chiesa armeno-cattolica, partner nell’iniziativa, si è invece dotata di un furgone con l’attrezzatura necessaria alla distribuzione dell’acqua (serbatoio, pompa a gasolio e tubazioni); di 1.500 litri di gasolio per far funzionare il pozzo presente nella parrocchia della SS. Trinità; di 30 serbatoi ( da 200, 500 e 1.000 litri secondo la necessità) da collocare nelle case delle famiglie più povere o in difficoltà, perché possano raccogliere l’acqua nei momenti in cui è erogata ed utilizzarla durante le sospensioni. Inoltre, i soldi serviranno anche per pagare due mesi di funzionamento del Team di distribuzione dell’acqua (retribuzione addetti, carburante per il furgone, ecc.) inizialmente non previsto. L’attività benefica di Aiutiamo la Siria! Onlus prosegue il suo impegno con lo scopo di realizzare i progetti attualmente aperti: sostegno alimentare alla popolazione di Homs, aiuto alla Parrocchia francescana di Aleppo per il mantenimento di una sala studio per gli studenti universitari, supporto di un centro per bambini disabili ad Homs ed altri lavori attualmente in via di definizione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.