LUNEDÌ 06 APRILE 2015, 17:01, IN TERRIS

SHUKRAN, IL PRIMO SOCIAL NETWORK NATO PER RINGRAZIARE

Il termine in arabo significa “grazie”, il simbolo scelto è una mano perché “È un elemento che unifica tutte le culture”

AUTORE OSPITE
SHUKRAN, IL PRIMO SOCIAL NETWORK NATO PER RINGRAZIARE
SHUKRAN, IL PRIMO SOCIAL NETWORK NATO PER RINGRAZIARE
“Shukran”, una parola che in arabo significa “grazie”. È il nome pensato da un team di persone all'interno del quale c'è una giovane musulmana italiana, Suhair El Qarra, per lanciare una nuova piattaforma di comunicazione, attiva per computer e smartphone dal 26 marzo scorso. Ma The Shukran non vuole essere solo l’ultimo prototipo di social network. Il programma, infatti, ai “mi piace” del fratello maggiore Facebook o ai cinguettii di Twitter sostituisce l’immagine di una mano che simboleggia l’atto del ringraziare.

L'interfaccia di The Shukran è molto semplice: una schermata con lo sfondo modificabile a seconda dell'umore e un flusso di fotografie incorniciate dentro un ottagono arabeggiante, uno dei motivi ricorrenti nella pagina. Dentro la cornice, c'è sempre una foto o un video, con allegato il suo hashtag e le sue tag. Poco spazio invece per le parole, che spesso dividono invece che unire. Le immagini, invece, come quella di un sorriso o di bambini che giocano insieme, veicolano messaggi universali e positivi. Bando dunque agli insulti, a immagini scurrili e offensive. Tutti i contenuti pubblicati mirano infatti a costruire una comunità pacifica e accogliente. “Ci stiamo attrezzando anche per avere un moderatore che toglie i contenuti inappropriati – spiega El Qarra -. Ma la selezione sarà naturale: chi posterà immagini non in linea riceverà ben pochi Shukran”.

Suhair, che ha creato la piattaforma con la collaborazione, gli sforzi e la tenacia di tutti i componenti del team. è figlia dei tempi moderni. Sotto i 30 anni, padre palestinese e mamma italiana, laurea in scienze politiche e un grande amore per le nuove tecnologie. È musulmana, ma ci tiene a precisare che The Shukran non è solo il social di chi crede nell'Islam, ma di tutti coloro che credono nella pacifica convivenza tra le genti. Dietro al progetto, insieme a Suhair, lavorano un grafico, un programmatore e una decina di ragazzi. "Non ci conoscevamo prima, il team è nato con il progetto – spiega El Qarra -. Per noi c'era l'esigenza di superare i problemi di oggi mettendo competenze e tecnologia al servizio della nostra causa". Una piccola squadra che porterà The Shukran da startup a terzo social network dopo i colossi Facebook e Twitter.

The Shukran è inoltre il primo social aperto al sociale. Basterà aggiungere prima della parola il punto esclamativo per dar vita a una campagna. La prima lanciata dagli animatori di The Shukran è !freedominegypt, una campagna che ricorda il colpo di Stato in Egitto e le manifestazioni a sostegno della libertà di stampa nel Paese. Inoltre – aggiunge El Qarra - Vogliamo che The Shukran si apra anche a ong e associazioni che fanno volontariato, per dare loro spazio e visibilità”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L’albero di Natale Prosecco Doc a Venezia
FEDERALBERGHI

Tra Natale e Capodanno 15 milioni di italiani in viaggio

Il giro d’affari complessivo sarà di 9,9 miliardi di euro
L'incontro con Uspi e Fisc
INCONTRO CON USPI E FISC

"Non cadete nei peccati della comunicazione"

Il Papa ha ricordato che la piccola editoria difende dai "polveroni mediatici"
Il Papa incontra Acr
AZIONE CATTOLICA RAGAZZI

Il Papa: "Fissate l'obiettivo sulle periferie"

Udienza del Pontefice ad Acr: "Siate buoni fotografi della realtà che vi circonda"
Una partecipante al corteo pro migranti a Roma
ROMA

Corteo pro migranti: "Diritti senza confine"

Gli organizzatori: "Oltre 15 mila partecipanti"
Il cardinale Camillo Ruini
BIOTESTAMENTO

Card. Ruini: “Così si apre all’eutanasia”

Il porporato intervistato su Repubblica
I coniugi Sherman
TORONTO

Trovato morto il "re" del farmaco generico

Le condoglianze del premier Trudeau