GIOVEDÌ 14 MAGGIO 2015, 000:30, IN TERRIS

SGOMBERI, L'ASSALTO DEI BULLDOZER

FABRIZIO GENTILE
SGOMBERI, L'ASSALTO DEI BULLDOZER
SGOMBERI, L'ASSALTO DEI BULLDOZER
Arrivare con le ruspe ed abbattere la quotidianità di centinaia di persone – seppur abusive e senza permessi – deve necessariamente prevedere una sistemazione alternativa. Non è una questione di legalità, ma di rispetto della persona umana. E quand’anche non fosse questo sentimento a guidare un’azione del genere, basterebbe riflettere sul fatto che le persone disperate, senza dimora, senza lavoro e senza nulla da perdere possono diventare infinitamente più pericolose di quanto non sia una precaria situazione igienico-sanitaria. Alla quale va data soluzione, ma non abbattendo un’intera località “stile napalm”. Uno schiaffo al diritto inalienabile dell'uomo ad essere rispettato.

E invece a Ponte Mammolo è accaduto proprio questo: una “baraccopoli”, come si chiamano questi insediamenti non autorizzati, è stata eliminata dall’oggi al domani, con tanto di dichiarazioni pubbliche del Comune di Roma sulla riqualificazione del sito e sull’assistenza agli sfrattati. E invece, ai margini del piazzale invaso dalle macerie, ci vivono ancora – se così si può dire – una sessantina di sfollati. L’immagine è surreale: qualche gabbiano che atterra indolente sulle macerie, coperte ovunque, vestiti appesi sugli alberi, giocattoli schiacciati tra legno e lamiere. "Sono arrivati con le armi – racconta il giovane Arefaine a Interris.it - e ci hanno cacciato. Non abbiamo mangiato per 24 ore, donne e bambini si sono riparati all’interno della stazione”. E così, quel campo nomadi visitato da Papa Francesco appena poco tempo fa, è diventato improvvisamente una distesa di detriti. Un modo molto spicciolo di risolvere le situazioni.

Ma non è una novità. Lo scorso febbraio la stessa sorte era toccata agli abitanti del campo di Lungostura. Anche in quel caso le baracche furono distrutte dalle ruspe, circa 600 persone furono allontanate, almeno 150 restarono abbandonate a se stesse. Un’area non occupata recentemente, ma utilizzata da ben 15 anni. Risultato: gran parte di quegli occupanti si diressero verso il capo abusivo di via Germagnano, a qualche chilometro di distanza, rendendo in questo modo anche lì critiche le condizioni igienico sanitarie. In attesa di altre ruspe.

Un atteggiamento istituzionale già condannato anche a livello internazionale. Lo scorso luglio, dopo il blitz in via Salviati alla periferia est di Roma, Amnesty international tuonò: "Lo sgombero non rispetta standard e garanzie procedurali ponendosi in continuità con le ripetute violazioni dei diritti umani perpetrate già dalla passata amministrazione". Come dire: non è questione di destra o sinistra, ma di approccio sbagliato verso l'emergenza umanitaria.

E non sempre parliamo di situazioni di degrado assoluto. A volte si tratta di immigrati che hanno trovato un piccolo lavoro ma non hanno abbastanza soldi per poter vivere in una casa “normale”, considerato anche il fatto che parte del guadagno viene in qualche modo fatto arrivare in Patria per sostentare la propria famiglia. Ma sono considerazioni troppo “alte”: le ruspe lavorano rasoterra.

E così, di sgombero in sgombero, i nomadi tornano tali, costretti a muoversi da una parte all’altra della città mentre qualcuno si compiace nel piantare la “bandiera del diritto” sulle macerie.

Ma legalità e solidarietà non vanno di pari passo. Un conto infatti sono gli sgombero come quelli fatti in via di Salone – sempre a Roma – nei confronti di famiglie rom che sui propri conti correnti avevano migliaia di euro. Altro è prendersela con gli ultimi, in particolare con chi, sbarcato per fuggire all’orrore della guerra, trova nell’approdo in un altro Paese una possibilità di continuare a vivere. Certo non sa la lingua, non ha soldi, né casa. Ma ha ancora la dignità. Quella che certi burocrati, con il loro ottuso interventismo, hanno perso.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Uno scatto della mostra
FOTOGRAFIA

Il Salento di inizio '900 negli scatti di Palumbo

Al Museo delle Arti e della Tradizioni Popolari di Roma la mostra "Visioni del Sud"
Incendi in California
INCENDI IN CALIFORNIA

In fiamme un'area più grande di New York

L'incendio, ormai esteso per circa 700 chilometri quadrati, è divampato lo scorso 4 dicembre
L'intervento dei Vigili del Fuoco al Port Authority Bus Terminal di New York
VIDEO

Il momento dell'esplosione al Port Authority di New York

Le immagini della deflagrazione riprese dalle telecamere di sicurezza del tunnel
Le urne del sorteggio di Champions League
CHAMPIONS LEAGUE

Agli ottavi sarà Juve-Tottenham e Shakhtar-Roma

Real Madrid vs Paris Saint Germain e Chelsea vs Barcellona i big match
Incidente stradale a Lecce
OMICIDIO STRADALE

Ubriaco al volante travolge uno scooter: un morto

Il conducente della Bmw 320 è un 35enne di nazionalità bulgara
Auto travolge passanti ai Mercatini di Natale di Sondrio
AUTO CONTRO MERCATINO DI NATALE

Sondrio, il conducente è accusato di strage

Il 27enne ha agito sotto l'effetto di alcol e cannabinoidi
La Cattedrale di Londra imbiancata dalla neve
MALTEMPO

Freddo e neve gelano il Nord Europa

Fiocca anche a Milano e Torino. Disagi su tutto l'arco alpino
Matteo Renzi
VERSO IL VOTO

Renzi: "Berlusconi? Niente intese con mr Spread"

L'ex premier: "Silvio fa le stesse promesse del 1994 che non ha mai mantenuto"