MERCOLEDÌ 06 MAGGIO 2015, 16:18, IN TERRIS

SAVE THE CHILDREN “LO STATO DELLE MADRI NEL MONDO”: ITALIA SOLO 12ESIMA

Il rapporto prende in considerazione 179 Stati. I migliori nel Nord Europa, i peggiori in Africa

MILENA CASTIGLI
SAVE THE CHILDREN “LO STATO DELLE MADRI NEL MONDO”: ITALIA SOLO 12ESIMA
SAVE THE CHILDREN “LO STATO DELLE MADRI NEL MONDO”: ITALIA SOLO 12ESIMA
Save the Children – la nota organizzazione umanitaria per la salvaguardia della famiglia e dell’infanzia – ha stilato una classifica sulla condizione di benessere di mamme e figli nei vari Paesi del Globo. Il rapporto 2015, intitolato “Lo Stato delle madri del mondo”, prende in esame la situazione di 179 Stati nei cinque continenti. Ai primi posti si riconfermano anche quest’anno le Nazioni del Nord Europa: Norvegia, Finlandia, Islanda, Danimarca e Svezia. Le peggiori sono tutte africane: Somalia, Repubblica democratica del Congo, Repubblica dell’Africa centrale, Mali e Nigeria. Inoltre, Bangladesh, Cambogia, Ghana, Kenya e India sono i luoghi con maggior disparità di possibilità di sopravvivenza tra bambini poveri e ricchi che vivono in città.

“Otto dei dieci Paesi in fondo all’Indice sono quasi tutti minati da crisi umanitarie, instabilità, conflitti e debole capacità di governo e le condizioni di vita per madri e bambini sono difficilissime - sottolinea Valerio Neri, direttore generale Save the Children Italia -. Violenze e guerre portano purtroppo sempre con sé carenza di cibo e malnutrizione e possono causare il collasso anche di solidi sistemi sanitari, come drammaticamente stiamo vedendo in Siria”. “Oppure possono essere gravi emergenze sanitarie e catastrofi a compromettere le condizioni di bambini e madri, come nel caso del virus Ebola o del recente e devastante terremoto in Nepal” spiega Neri.

L’Italia si posiziona al dodicesimo posto della classifica dove si vive meglio, scendendo di una posizione rispetto all’anno precedente a causa di una lieve flessione nella partecipazione delle donne al Governo nazionale (30,1 per cento dei posti in Parlamento nel 2015, contro il 30,6 del 2014) e degli anni dedicati allo studio e alla scolarizzazione (16 anni di formazione scolastica nel 2015 a fronte di 16,3 nel 2014). In Italia il rischio di mortalità materna è di 1 donna ogni 17.100 mentre il tasso di mortalità infantile è di 3,6 ogni 1000 nati vivi. In Angola e Sierra Leone, di contro, 1 bambino su 6 muore prima dei 5 anni.

Il rapporto segnala anche casi incoraggianti: Egitto e Filippine per esempio sono stati in grado di ridurre i tassi di mortalità infantile grazie a un rafforzamento dei sistemi sanitari e all’accesso alle cure gratuite per le famiglie più povere. Una strada che, se percorsa, aiuterebbe molti Paesi, agli ultimi posti della classifica, a raggiungere un livello di benessere madre-figlio sufficiente.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"